Espandi menu
cerca
Falstaff

Regia di Orson Welles vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 91
  • Post 64
  • Recensioni 4474
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Falstaff

di sasso67
10 stelle

Attraverso il personaggio - che non ha un dramma a lui intitolato, ma compare in diverse opere di Shakespeare - Welles compone il racconto, tutt'altro che comico, su un'amicizia che chissà quanto è stata tale e fa un discorso spietato sui "doveri" che impone il potere. La morte di Falstaff sembra decretare la fine di un'epoca, come un altro dei suoi film, L'orgoglio degli Amberson. Come quel film rappresentava, nel 1942, l'apoteosi di Hollywood ed insieme il suo superamento, qui Welles riesce ad essere scespiriano (la parte di Enrico IV affidata ad un attore teatrale come John Gielgud) e a superare Shakespeare (la reinterpretazione di un Falstaff più patetico che comico, seppur sempre fanfarone).
Ma Falstaff è un film importante anche dal punto di vista figurativo: Welles gira il film in Europa e prende spunto dalla pittura europea, non ultimi i pittori fiamminghi quali Bosch e Brueghel (si veda il personaggio di Silenzio, interpretato da Walter Chiari), ma anche la pittura rinascimentale italiana: per la battaglia di Shrewsbury viene in mente La battaglia di San Romano di Paolo Uccello, oltre al cinema giapponese, con qualche influenza, secondo me, anche del teatro dei pupi. Del resto, Welles qualche anno prima era stato in Italia a recitare per Pasolini nella Ricotta e potrebbe avere carpito, anche oltre le intenzioni, dal nostro grande regista qualche umore grottesco e qualche goccia del suo gusto pittorico.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati