Espandi menu
cerca
Febbre da cavallo

Regia di Steno vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 209
  • Post 19
  • Recensioni 1344
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Febbre da cavallo

di steno79
7 stelle

Ho rivisto "Febbre da cavallo" a distanza di tanti anni, e l'ho trovato piacevole e divertente. È una commedia popolare realizzata con perizia da Steno, maestro della commedia italica che qui trovò una vena particolarmente felice, lontana anni luce dalla volgarità della commediaccia sexy che in quel periodo iniziava a fare furore ai botteghini. Si parla dell'ossessione per le scommesse ippiche di tre sempliciotti, ma la trama è solo la scusa per affilare una serie di scenette e di battute entrate nella memoria collettiva, tanto da renderlo un vero film di culto a Roma, e non solo. Steno non aveva la pretesa di fare una commedia alla Lubitsch o alla Billy Wilder, ma il film può contare ugualmente su un tripudio di invenzioni grottesche, su gag sanamente cattive che in qualche caso strappano l'applauso (che dire di "un fischio maschio senza raschio" o della scena in cui la Montagnani si finge morta), su un ritmo e una vis comica tutt'altro che disprezzabili. E poi lo spettacolo è garantito dagli attori, da un Gigi Proietti che avrebbe meritato un Oscar come miglior attore comico, davvero in forma strepitosa, a un Montesano ugualmente irresistibile nella parlata burina e nelle imitazioni, fino a una schiera di caratteristi fra cui vanno citati almeno Mario Carotenuto, una breve partecipazione di Adolfo Celi come giudice, lo sfortunato Francesco De Rosa come co-protagonista, una Catherine Spaak bella ma un po' decorativa. È chiaro che se si volesse farne un'analisi "obiettiva" salterebbero fuori numerosi difetti, ma in questo caso tendo anch'io ad essere indulgente perché si tratta di una commedia che riesce a strappare molte risate senza ricorrere all'armamentario di tette, scorregge e parolacce dei Pierini e simili: si ride senza provare vergogna. Movimentata colonna sonora di Tempera, Bixio e Frizzi e sceneggiatura a cui partecipo' anche il figlio Enrico Vanzina, che non manca di un suo valore sociologico sull'Italia un po' cialtrona di quegli anni. All'epoca solo un modesto successo, che poi divenne un cult grazie ai passaggi sulle tivu' commerciali. Non credo che vedrò il sequel realizzato dai Vanzina tanti anni dopo.

Voto 7/10

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati