Espandi menu
cerca
De-Lovely - Così facile da amare

Regia di Irwin Winkler vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 222
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su De-Lovely - Così facile da amare

di FilmTv Rivista
6 stelle

Vita di Cole Porter fuori dagli schemi edulcorati e un po’ vigliacchi del vecchio classico, Notte e dì, diretto da Michael Curtiz nel 1948, dove non si faceva cenno all’omosessualità dichiarata del musicista e, perciò, non acquistava spessore l’eccezionalità del rapporto tra Porter e la moglie Linda: rapporto, vita e spirito da anni ’20, dove il puritanesimo venne messo nel sacco dall’intelligenza, dove le esistenze bruciavano in fretta, e spesso anche i talenti. Quello di Cole Porter durò invece per quarant’anni, forse anche grazie a Linda e alla stabilità, pur tra alti e bassi, del loro sodalizio. Irwin Winkler costruisce la loro storia in flashback, arrischiando un musical. Con le canzoni di Cole Porter (seducenti nella musica quanto nei testi, suoi anche quelli, e geniali) un film musicale dovrebbe essere servito su un piatto d’argento. Purtroppo però, l’impianto visivo di De-Lovely non corrisponde a quello sonoro, non ne ha la grazia e la leggerezza. La regia di Winkler è un po’ legnosa, più consona al film realistico, e l’impianto narrativo un po’ troppo pomposo. Kevin Kline e Ashley Judd sono perfette incarnazioni dell’epoca, ma il film, lussuoso, non ha aria, non “respira”, non danza.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 43 del 2004

Autore: Emanuela Martini

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati