Espandi menu
cerca
Il siero della vanità

Regia di Alex Infascelli vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 70
  • Post 7
  • Recensioni 2701
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il siero della vanità

di barabbovich
3 stelle

Un mago psicopatico, convinto di essere l'erede naturale del grande Houdini, rapisce e segrega i cinque personaggi che lo dileggiarono durante una trasmissione televisiva di dieci anni prima. Una poliziotta (Buy) a mezzo servizio indaga con successo. La tv-verità è soltanto a caccia dello scoop. Dopo Almost blue, Infascelli (che ha lavorato su un copione di Niccolò Ammaniti e Antonio Manzini) mostra ancora una volta di trovarsi a proprio agio nei paraggi dell'horror: scova nei sotterranei della metropolitana dell'Eur, a Roma, un luogo consono a una messa in scena involontariamente grottesca, indulge a qualche scena splatter e innesca nel racconto elementi pletorici a valanga (la gamba della Buy). Regia sciatta, recitazione assente, trucchi cinematografici vecchi di mezzo secolo e la Buy che per tutto il film ha l'aria di dire "Ma come ci sono capitata in questo film?".
Due curiosità: la ex-brigatista dissociata Adriana Faranda appare in un cammeo. Il nome del personaggio di Valerio Mastandrea - Franco Berardi - è lo stesso del filosofo conosciuto come "Bifo", mitico fondatore di Radio Alice.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati