Trama

Iris lavora in un fabbrica di fiammiferi, ed è timida al punto di non parlare mai, certo non a casa, dove stira o prepara la cena mentre i suoi guardano la Tv, e nemmeno alla balera, durante le sue vane attese di un invito. Un giorno non compra un nuovo vestito e crede di trovare l'amore. Scoprirà la verità solo dopo essere rimasta incinta.

Note

Siamo forse all'apice dell'invincibile e laconica tristezza di Kaurismäki, che dice di questo film: "testimonia la fine dei sogni, la morte, la rovina, la distruzione, la disperazione degli uomini che vivono alle soglie del terzo millenio." Ultimo capitolo della trilogia proletaria, dopo _Ombre in paradiso_ e _Ariel_.

Commenti (1) vedi tutti

  • Tragedia fredda, secca e senza commiserazioni. 7 1/2

    commento di kotrab
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

millertropico di millertropico
8 stelle

Iris, una giovane donna finlandese, è impiegata presso una fabbrica di fiammiferi. La sua è un'esistenza monotona, senza emozioni, senza gratificazioni nè affetti tantomeno di natura amorosa. Ad aggravare il profondo stato di disagio contribuiscono anche una madre rancorosa e un patrigno che non perde occasione per umiliarla. Unica consolazione oltre all'amore per la… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

Kaurismaki non smette di non stupire: nel suo minimalismo in salsa scandinava c'è tutto un mondo di silenzi, dolore ed incomprensione, abitato da personaggi poveri, ordinari, proletari, umili ed a cui non ne va mai bene una - sostanzialmente - nella vita. La consolazione (che arriva in quasi tutti i suoi film, ma che raramente è destinata a mostrarsi solida e a durare) la si… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2018
2018
2017
2017
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

La vendetta al femminile

Immorale di Immorale

Richard Francis Burton (non l’attore), chi era costui ? Nato in Inghilterra nel 1821 e morto a Trieste nel 1890 fu un esploratore, geografo, traduttore, scrittore, soldato, orientalista, cartografo, etnologo,…

leggi tutto
2016
2016
2015
2015

Recensione

michel di michel
8 stelle

Un'operaia poco amata dalla madre e dal patrigno, che deve pure mantenere, senza amici, si aggrappa a una relazione occasionale e reagisce con disperata rabbia all'ennesima umiliazione. Bel ritratto femminile triste e silenzioso come la sua protagonista e come gli ambienti che sembrano imprigionare i cuori in una morsa fatale. Qua e la risuona una lenta ballata melanconica che fantastica di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2014
2014
2011
2011

I miei 7 vizi capitali

alan smithee di alan smithee

E' dura ridurre a soli 7 titoli le preferenze assolute personali di sempre. Ed e' assurdo quindi tralasciare tra questi 7 magnifici titoli alcuni capolavori di maestri come Kubrick, Hitchcock, Bergman, Fellini,…

leggi tutto

Recensione

millertropico di millertropico
8 stelle

Iris, una giovane donna finlandese, è impiegata presso una fabbrica di fiammiferi. La sua è un'esistenza monotona, senza emozioni, senza gratificazioni nè affetti tantomeno di natura amorosa. Ad aggravare il profondo stato di disagio contribuiscono anche una madre rancorosa e un patrigno che non perde occasione per umiliarla. Unica consolazione oltre all'amore per la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
2010
2010

Recensione

luca826 di luca826
8 stelle

VOTO 7/8 DESOLATO (Tv Marzo 2007) La triste esistenza di una ragazza finlandese tra incomunicabilità e soprusi, fino ad un riscatto finale (?). Film assolutamente desolato e senza speranza, dove l'Io dei personaggi si scontra impazzito l'uno con l'altro, come le palline di un flipper. Non c'è via d'uscita in questo mondo, forse solo attraverso la negazione stessa della vita,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Kaurismaki non smette di non stupire: nel suo minimalismo in salsa scandinava c'è tutto un mondo di silenzi, dolore ed incomprensione, abitato da personaggi poveri, ordinari, proletari, umili ed a cui non ne va mai bene una - sostanzialmente - nella vita. La consolazione (che arriva in quasi tutti i suoi film, ma che raramente è destinata a mostrarsi solida e a durare) la si…

leggi tutto

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Nel cinema di Kaurismäki, i sogni si trovano al di là di una cortina impenetrabile, al di qua della quale regna una calma opprimente. La normalità è tedio, e l’anonimato è invisibilità, in un mondo che pare affidato interamente al caso. L’indifferenza della gente è solo l’effetto della nebbia dell’indeterminatezza, e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
8 stelle

Le prime parole di Iris arrivano dopo circa 15 minuti di film e sono "Una mezza birra", le prime parole del padre (o patrigno?) sono "Puttana". In mezzo tutta la luce desolante, splendida e poetica, della visione personalissima del Cinema del grande Kaurismaki, per disegnare con i silenzi dei personaggi una storia tragicissima e shakesperiana. Aki è l' Edward Hopper del Cinema mondiale e…

leggi tutto
Recensione
2009
2009

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Iris (Kati Outinen) è una ragazza sopraffatta dal grigiore della vita che conduce. Lavora in una fabbrica che produce fiammiferi e vive in una casa squallida dove lava, stira, cucina. Mantiene economicamente la madre (Elina Salo) e il patrigno (Esko Nikkari) che vivono incollati al divano davanti a una televisione sempre accesa. In una balera conosce Aarne (Vesa Vierikko) con il quale…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2008
2008

Recensione

sasso67 di sasso67
8 stelle

Scordiamoci la fiaba di Andersen. Qui siamo in Finlandia, non in Danimarca, e Iiris, ragazza bruttina, ha un lavoro alienante in una fabbrica di fiammiferi e una vita squallida, passata a servire e riverire la madre ed il patrigno. La vicenda della ragazza, che giunge fino all'omicidio come una logica e quasi naturale conseguenza delle ingiustizie subite, è narrata con asciuttezza pressoché…

leggi tutto
2007
2007

Recensione

truffaut di truffaut
8 stelle

Inguistamente sottovalutato uno dei film più interessanti del regista finlandese. Il solito umorismo e l'ironia lasciano spazio alla disperazione più cupa. Il tutto osservato con uno sguardo impassibile e lucido. Mentre assistiamo alla negazione di ognoi solideriatà umana canzoni allegre parlano di isole felici e di mondi altri. Puro cinema dialettico

leggi tutto
Recensione

Recensione

carlos brigante di carlos brigante
8 stelle

Triste, freddo, lucido, essenziale, questo è il racconto della "fiammiferaia e della sua sfortunata esistenza fatta dall'essere vittima e....carnefice. Kaurismaki, assecondato come sempre da un'ottima fotografia, narra con stile essenziale e apparente distacco questa storia, anche se è impossibile non provare un briciolo di compassione e giustificazione per ciò che accade e fa la protagonista…

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito