Espandi menu
cerca
La sfida del samurai

Regia di Akira Kurosawa vedi scheda film

Recensioni

L'autore

port cros

port cros

Iscritto dall'8 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 22
  • Post 3
  • Recensioni 285
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La sfida del samurai

di port cros
10 stelle

Yojimbo (che significa "guardia del corpo"), ennesimo capolavoro di Akira Kurosawa, è un atipico film di samurai che combina con maestria il genere nipponico per eccellenza con il western americano, così che il villaggio giapponese può sembrare una città della frontiera ed il samurai protagonista un cacciatore di taglie, e la colonna sonora è talmente affine che i sottotitoli italiani per non udenti la chiamano direttamente “musica western”. In un ciclo di ispirazioni e rimandi, questo film sarà a sua volta fonte di ispirazione per il western, dato che Sergio Leone trarrà da (per alcuni copierà) Yojimbo per il suo “Per un pugno di dollari”.

 

 

Toshiro Mifune

La sfida del samurai (1961): Toshiro Mifune

 

 

Nel 1860, al termine dell'era Tokugawa, i samurai, rimasti senza padrone, venivano detti ronin e vagavano per il Paese offrendo i loro servizi al miglior offerente. Uno di questi, viene portato dal caso in un villaggio lacerato da due gang criminali rivali in lotta tra loro, che terrorizzano ed opprimono gli abitanti. Kurosawa ci mostra le strade del villaggio deserte, destinate soltanto ad essere teatro di scontri all'ultimo sangue, mentre gli abitanti, rintanati nelle case, guardano spaventati ed impotenti attraverso le persiane abbassate.

Il protagonista, senza nome, ma che si fa chiamare Sanjuro, ha bisogno di soldi e quindi non pare farsi scrupolo ad offrire i suoi sevizi di guardia del corpo (“yojimbo” in giapponese) alla fazione disposta a pagarlo meglio. Le due gang, impressionate dalla sua maestria nell'arte della spada, pur non fidandosi di lui temono che la sua forza possa accrescere le fila degli avversari e sono pertanto disposte ad utilizzare qualunque mezzo (tutti spietati e immorali) per averlo dalla loro parte. Sanjuro, in un astuto e pericoloso gioco, le mette abilmente l'una contro l'altra per ottenere il massimo vantaggio per sé. Se l'atteggiamento opportunista del ronin può farlo sembrare un personaggio totalmente individualista e privo di morale, rappresentante di un'epoca storica in cui i samurai avevano smarrito il loro codice d'onore, certe sue azioni (il salvataggio di una famiglia oppressa da una delle gang) smentiranno questo assunto. Inoltre la sua complessa strategia, apparentemente opportunistica, raggiungerà il fine morale di scardinare un sistema mafioso di crudeltà e violenza di cui il villaggio è prigioniero.

Sanjuro, nonostante la su abilità, è comunque un personaggio non eroico e l'intero film, lungi dal mitizzare la violenza, nel mostra l'insensatezza (vedi il consiglio dato dal protagonista all'ingenuo giovane che all'inizio aveva sostenuto la preferibilità di una vita breve ed avventurosa ad una lunga e pacifica). L'immoralità dei componenti della gang criminali è mostrata da Kurosawa in maniera feroce ed impietosa, rappresentata particolarmente dal personaggio mefistofelico della moglie di un mafioso e dal fratello di questi, che giunge ad un certo punto portando nel villaggio e nell'intero genere di film di samurai la novità dirompente rappresentata dalle armi da fuoco, una sfida non di poco conto per il nostro ronin dotato "solo" di arma bianca.

 

Risultati immagini per yojimbo gun

 

Come sempre in Kurosawa, la composizione delle scene è di livello eccelso, con al centro il senso del movimento così tipico di questo maestro del cinema, ben esemplificato dal vento che spazza il villaggio nelle scene iniziali e finali e le scene di battaglia sapientemente coreografate. Tra le scene più memorabili, quella macabra e premonitrice del cane con l'arto mozzato in bocca e quella poetica con la foglia sbattuta dal vento ed infilzata dal pugnale, oltre ovviamente alla grandiosa battaglia finale “da western”. La trama, seguendo il machiavellico gioco di Sanjuro, è ancora più complessa che in altri film del regista, e Kurosawa non manca di infondere nel film anche una vena di umorismo nero e grottesco, attraverso i personaggi del bottaio e dell'oste e i commenti sardonici dello stesso antieroico protagonista ("Così finalmente anche qui ci sarà la pace" commenta il bagno di sangue prima di lasciarsi alle spalle il villaggio devastato).

 

Immagine correlata

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati