Espandi menu
cerca
Roma, santa e dannata

Regia di Roberto D'Agostino, Marco Giusti, Daniele Ciprì vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 166
  • Post 16
  • Recensioni 10902
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Roma, santa e dannata

di mm40
6 stelle

Roma di notte: una guida alle contraddizioni, agli eccessi e alle bizzarrie che hanno animato negli ultimi decenni la Capitale dal tramonto all'alba. Un'indagine semiseria condotta da Roberto D'Agostino e Marco Giusti, con interventi – tra gli altri – di Enrico Vanzina, Vladimir Luxuria, Carlo Verdone, Sandra Milo, Massimo Ceccherini.


Il nucleo del racconto ruota tutto attorno alla Roma notturna degli anni '80, ma le divagazioni portano i due conduttori dell'indagine a spaziare tra le epoche, i luoghi e persino gli argomenti (non c'entra nulla, per esempio, l'aneddoto narrato da Verdone su Sordi nel giorno del suo ottantesimo compleanno: ma è troppo gustoso, e ovviamente intriso di romanità, per non essere incluso nel lavoro). La base di partenza è un posto nostalgico nel cuore di Roberto D'Agostino, ma anche di Marco Giusti; il primo parla a macchinetta, il secondo per lo più annuisce, atteggiamento che aumenta l'autorevolezza delle sue sporadiche sentenze più lunghe di qualche parola. Una coppia assortita in maniera eccellente proprio per le evidenti, macroscopiche differenze tra i due; e anche tra gli intervistati spiccano nomi che difficilmente si potrebbero accostare altrove, da Vladimir Luxuria a Massimo Ceccherini, da Sandra Milo a Vera (figlia di Giuliano) Gemma. Ognuno ha il suo tassello per comporre un puzzle che parla di dissolutezza, stravizi, follia, assurdità e più in generale della voglia di vivere, di fare esperimenti, di ricacciare ogni inibizione da parte della Capitale e del suo popolo. La notte è solo il negativo della fotografia dell'Urbe durante il giorno: una città ricolma di contraddizioni e di eccessi, di Storia e di arte, ma anche di miseria e di arte d'arrangiarsi, di incontri fortuiti che possono rivelare nuovi scenari del tutto inediti. La città del clero, della politica, del cinema: tutti elementi che la notte, ben lungi dallo scomparire, si fondono assieme e danno vita a qualche cosa di affascinante e fors'anche morboso. Un'ora e mezza di durata, produzione Rai; la narrazione ondivaga è il miglior pregio e il peggior difetto di Roma, santa e dannata (da una frase di Luxuria, che però al posto di dannata utilizza il termine 'puttana'). 6/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati