Espandi menu
cerca
I ragazzi della mia vita

Regia di Penny Marshall vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 219
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su I ragazzi della mia vita

di FilmTv Rivista
4 stelle

Ritratto di Beverly Donofrio dai 15 ai 35 anni. Dal 1965, dal Connecticut a New York e al libro autobiografico, che sta per essere pubblicato, sulle ambizioni letterarie, le disillusioni, la maternità, la famiglia d’origine, quella di transito (matrimonio per una gravidanza non desiderata nell’adolescenza, casa popolare, marito inadeguato) e quella azzerata nel finale con un figlio che sceglie finalmente l’Università da frequentare e il padre poliziotto che le offre un passaggio in macchina e possono, così, cantare insieme una canzone. I flashback si susseguono per legare quei quattro o cinque giorni che secondo la Donofrio sono quelli che determinano tutto. Bev è un personaggio femminile vitale e sconclusionato e Drew Barrymore, al più importante tour de force anagrafico della sua carriera, non riesce a dominarlo. La sceneggiatura è disordinata e la regista Penny Marshall si conferma modesta. Ci sono momenti buoni, ma l’organizzazione dell’insieme non funziona. Il doppio registro del pathos e dell’umorismo collabora a tenere lo spettatore fuori testo tra vicenda privata, ispirata a fatti reali, e citazione di brandelli di un’epoca.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 12 del 2002

Autore: Enrico Magrelli

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati