Espandi menu
cerca
Comandante

Regia di Edoardo De Angelis vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 312
  • Post 213
  • Recensioni 6331
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Comandante

di alan smithee
4 stelle

Pierfrancesco Favino

Comandante (2023): Pierfrancesco Favino

FESTIVAL DI VENEZIA 80 - CONCORSO

Il comandante Salvatore Todaro è al comando del sommergibile Cappellini, fiore all'occhiello della truppa in capo alla Regia Marina Italiana fascista, in piena Seconda guerra mondiale.

Durante una missione occorsa nell'ottobre del 1940, mentre il sommergibile sta attraversando le acque dell'Atlantico appena varcato Gibilterra, un attacco non preventivato sopraggiunge a sorpresa da un mercantile battente bandiera belga, che viaggia a luci spente e che, nella sua posizione, avrebbe dovuto avere un ruolo neutro rispetto alle due fazioni in guerra. Si apre un violento scontro a fuoco, ma ad averne la meglio sarà il sommergibile italiano attaccato a tradimento.

 

scena

Comandante (2023): scena

scena

Comandante (2023): scena

A quel punto, con la nave nemica in corso di affondamento, il comandante è costretto a prendere velocemente una decisione cruciale: condannare i superstiti belgi a morte certa, o salvarli e dar loro ospitalità provvisoria nel sommergibile fino a scortarli ad un porto delle Azzorre. Cappellini si sente di privilegiare la legge del mare, ovvero quella che impone il dovere di portare in salvo i naufraghi, nonostante nel caso specifico si tratti di nemici segretamente alleati col nemico ufficiale inglese.

 

Massimiliano Rossi

Comandante (2023): Massimiliano Rossi

Pierfrancesco Favino, Edoardo De Angelis

Comandante (2023): Pierfrancesco Favino, Edoardo De Angelis

Con Comandante De Angelis riprende le gesta di "un italiano vero", tra sommergibili-bara, retorica fuori controllo, estetismi incontrollati, mandolini e...patate fritte. Ancora una volta il cineasta, tecnicamente dotato, si sofferma su atteggiamenti e situazioni enfatiche e di una retorica imbarazzante, giusto per dare sfogo ad una buona dose di autolesionismo che espone il film a momenti davvero molto imbarazzanti.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati