Espandi menu
cerca
Il maestro giardiniere

Regia di Paul Schrader vedi scheda film

Recensioni

L'autore

George Smiley

George Smiley

Iscritto dal 29 gennaio 2014 Vai al suo profilo
  • Seguaci 62
  • Post 2
  • Recensioni 180
  • Playlist 13
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il maestro giardiniere

di George Smiley
10 stelle

Con "Master Gardener" Paul Schrader firma un grandissimo film sulla redenzione e il perdono, in cui il giardinaggio diventa metafora di ordine, amore e cura in contrasto con un passato fatto di caos, odio e distruzione. Il personaggio di Narvel Roth, portato in scena da un bravissimo Joel Edgerton, è il simbolo del riscatto umano e spirituale di un mostro diventato tale a causa di insegnamenti basati sul disprezzo e la cieca estirpazione di innocenti considerati "erbacce", ma risorto grazie all'impegno profuso nel padroneggiare un'arte che è tutto l'opposto, ovvero dedizione maniacale e quasi genitoriale alle piante durante la loro crescita, rigore geometrico e continuo studio infuso di passione e venerazione. La storia d'amore che parte come un rapporto tra maestro e allieva e come occasione di espiazione dei propri peccati diventa l'elemento salvifico (già visto in "American Gigolò" dello stesso regista/sceneggiatore) che porterà Narvel a perdonare sè stesso e ad aprirsi finalmente ad un futuro non più interdetto dalle ombre del passato, in un finale di rara, struggente speranza. Oltre a regia e sceneggiatura ottime, sono da sottolineare la bella fotografia di Alexander Dynan e la validissima colonna sonora di Dev Hynes, oltre alle prove recitative superlative del già citato Joel Edgerton, della grande Sigourney Weaver e della giovane Quintessa Swindell.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati