Espandi menu
cerca
Il sol dell'avvenire

Regia di Nanni Moretti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

tobanis

tobanis

Iscritto dal 21 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 32
  • Post 16
  • Recensioni 2483
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il sol dell'avvenire

di tobanis
7 stelle

Alla fine della fiera, è un film di Moretti: se il regista piace, non si può non vedere il film e pure volergli anche (un po') bene.

Come già altre volte, Moretti è molto severo verso sé stesso, e molto autoironico. Occhio a qualche spoiler minore. In questo film, ad esempio, è un regista di mezza età e di rara pesantezza. La sua autorevolezza ed esperienza impediscono che il cast lo mandi a quel paese; non ne può più invece la moglie, che lo molla dopo decenni di vita in comune (con sua somma sorpresa, ovvio). Il film racconta Moretti mentre gira un nuovo film (film nel film, certo); una pellicola utopistica, ambientata durante l’invasione sovietica dell’Ungheria, quando nella realtà il PCI si schierò con l’URSS (per non parlare di Togliatti, peggio ancora). Moretti immagina un sogno, con il Partito che molla i sovietici e appoggia gli ungheresi, con un movimento che dalla base arriva fino ai vertici del partito. Mentre gira il film, ne succedono varie, c’è pure un circo Budavari (dal nome del famoso pallanuotista), ci sono infiniti richiami ad altri film o altre situazioni. Il tutto com’è…mah, l’ho trovato un po’ faticoso, all’inizio, quando non tutto ingrana, quando alcune scene paiono forse dei clichè; poi migliora, a mio parere, va sempre meglio e io sarei per un 6/7, che è anche più o meno il voto del grande pubblico. Fu secondo negli incassi settimanali, partecipò senza fortuna a Cannes. Frase da ricordare: “Siamo presenti in 190 Paesi!” – “E questo, lo abbiamo capito.”

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati