Espandi menu
cerca
Eraserhead

Regia di David Lynch vedi scheda film

Recensioni

L'autore

tafo

tafo

Iscritto dal 26 febbraio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 23
  • Post 1
  • Recensioni 387
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Eraserhead

di tafo
10 stelle

Il primo linc(h)iaggio del cinema

In principio fu il buco nero che tutto inghiotte tempo, spazio, trama e personaggi. La nascita del cinema del nostro ha una forza centrifuga irresistibile che non lascia scampo alle nostre povere immaginazioni. Lasciarsi trasportare nel mondo di Henry è l’unico modo per affrontare il viaggio senza pregiudizi etici o estetici per perdere la testa senza bisogno di introdurre materia solida o liquida nel nostro corpo. Tutto è generato dal nostro inconscio vero motore immobile capace di trasformare ogni cosa, di farci scoprire con la mente e non solo  con gli occhi. Ogni suono è una dissonanza rispetto al senso comune, un rumore disturbante un pianto fetale continuo. Nella galassia di Henry organico e inorganico, materiale e spirituale trovano un a perfetta e spiazzante commistione. La materia diversa e mostruosa del film è libera di produrre le sue scorie dare sfogo alle sue eruzioni corporali come se stessimo guardando l’archetipo di un orrore splatter senza fine. I dialoghi non lasciano spazio alla logica le famiglie del nostro non possono che essere disfunzionali e malate cosi come i vecchi sono inquietanti anche quando mescolano l’insalata. Tutto è una continua deviazione, l’onirico esplode ad occhi aperti semplicemente si prende il film e facilmente ne esce cancellandosi. L’esordio di lynch è veramente un embrione di qualcosa di inaudito dove non c’è stacco tra presenze concrete o meno e presenze oniriche simboliche o no dove ogni cosa ci conduce alla materia inerte di un incubo senza uscita. Tra le escrescenze tumorali cronenberghiane e l’ambizione cosmica kubrickiana.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati