Espandi menu
cerca
Navalny

Regia di Daniel Roher vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 81
  • Post 7
  • Recensioni 3635
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Navalny

di barabbovich
2 stelle

Scrivere di Alexei Navalny all'indomani della sua morte, quando l'occidente ha già impacchettato la dovuta messe di coccodrilli e inni di gloria al martire, è difficile, se non si vuole correre il rischio di incappare nella questione manichea a favore o contro Putin. Per cui, weberianamente, si deve dichiarare il proprio punto di vista: Putin è un sadico criminale, paranoico, incapace di osservare i requisiti più elementari del vivere democratico, proprio come baffone, altro caso psichiatrico che non tollerava il dissenso. E queste caratteristiche del presidente russo, nel film di Daniel Roher, si vedono benissimo. Ma nell'opera cinematografica i metodi narrativi sono quelli della Pravda, rovesciati a favore del più acerrimo detrattore dell'ex capo del KGB: il documentario, infatti, si dedica a ritrarre i contorni dell'eroe coraggioso, bello, biondo e con gli occhi azzurri, senza dare minimamente spazio al controcanto. Nel film non c'è traccia del Navalny nazionalista, fiancheggiatore dei partiti xenofobi e di estrema destra, sicché l'irriducibile avversario di Putin ne esce immacolato, oltre che abilissimo agitatore populista e straordinario utilizzatore del potere dei social media. Insomma, un santino confezionato su misura. L'unica cosa interessante di questo film di propaganda a stelle e strisce (vedi il paese di produzione), costruito in maniera dozzinale e filmato peggio, è il video della telefonata che il protagonista fa, sotto mentite spoglie, a un chimico (poi, come da copione, sparito nel nulla) coinvolto nell'avvelenamento del leader dell'opposizione russa, per conoscerne i particolari. L'agente nervino usato in quell'occasione portò Navalny a un passo dalla morte nel 2020, per poi essersi ripreso dopo la convalescenza in Germania. Ma quella telefonata la si può comodamente trovare anche su YouTube, senza doversi sorbire questo film di nessun valore tanto sul piano della forma che su quello dei contenuti.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati