Espandi menu
cerca
Io sono l'abisso

Regia di Donato Carrisi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

YellowBastard

YellowBastard

Iscritto dal 28 luglio 2019 Vai al suo profilo
  • Seguaci 49
  • Post 6
  • Recensioni 497
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Io sono l'abisso

di YellowBastard
5 stelle

Non tutte le vittime diventano carnefici ma tutti i carnefici sono state vittime.

Da questa premessa inizia Io sono l’abisso, nuova regia di Donato Carrisi che torna, dopo La ragazza nella nebbia e L’Uomo del labirinto, con un nuovo thriller tratto anche questa volta da un suo romanzo.

Tra i giallisti italiani più famosi al mondo, lo scrittore pugliese dirige un thriller epidermico, quasi calligrafico, freddo e metodico come il suo protagonista, per poi evolversi in un dramma psicologico, concentrandosi sul trauma (come genesi del male) e sull’educazione alla violenza, aspetto che permea ormai ogni aspetto della nostra società.   

 

Io sono l'abisso: trailer e anticipazioni del thriller di Donato Carrisi

Ogni buona azione non resterà impunita.

 

Sono diverse le inclinazioni del male elaborate nel racconto: femminicidi, abuso sui minori, ricatto, prostituzione minorile e pedofilia che cerca di analizzare socialmente senza colpevolizzare o criminalizzare nessuno ma tentando di comprendere come una vittima possa trasformarsi in carnefice.

In questo senso il male è un qualcosa che si ripropone inesorabilmente in un susseguirsi di causa/effetto difficile da spezzare perchè dal male nasce altro male, propagandosi e infettando chiunque capiti a tiro.

 

Come i tre protagonisti del racconto, personaggi che non hanno nome o un’identità che si rivela invece spezzata e (quindi) incompleta , ognuno potenziale vittima o carnefice (anche di se stessa) a secondo del caso, e vengono identificati semplicemente come “l’uomo che pulisce”, “la cacciatrice di mosche” e “la ragazza col ciuffo viola”. Tre personaggi solitari oltremodo segnati e feriti, ognuno a suo modo, e tre storie che inizialmente si sfiorano per poi deflagrare soltanto nel finale.

 

Carrisi è l'autore di un thriller anomale, un ibrido di generi di cui conosciamo l’identità dell’assassino fin dall’inizio e i cui omicidi (e risoluzione) rimangono volutamente sullo sfondo, non ci sono vere e proprie svolte in quanto i fatti vengono svelati in modo quasi didascalico (tanto e vero che l’unico plot twist della pellicola risulta quasi telefonato) puntando invece l’attenzione sul percorso emotivo doloroso e sofferto dei suoi protagonisti, sui loro traumi .

 

IO SONO L'ABISSO, recensione del nuovo film di Donato Carrisi

 

E se la storia in sé nelle sue diverse varianti funziona (abbastanza?) bene è nel dispiegarsi del racconto a rivelarsi pedante e troppo enfatico (il continuo tema dell’acqua, ad esempio), ancora troppo verboso nella forma e incapace di raccontare solo per immagini (probabilmente anche per deformazione professionale) lasciandosi anche dominare da un eccesso di ambizione autoriale, tra inquadrature sghembe, escamotage della messa in scena e sovrapponendo continuamente diversi piani temporali, giocando con le illusioni dello spettatore e costruendogli attorno un labirinto (mentale?) nel quale però e lui stesse che finisce per perdersi.

 

VOTO: 5

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati