Espandi menu
cerca
Martyrs Lane

Regia di Ruth Platt vedi scheda film

Recensioni

L'autore

undying

undying

Iscritto dal 10 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 98
  • Post 35
  • Recensioni 2678
  • Playlist 53
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Martyrs Lane

di undying
7 stelle

Elegante e raffinato horror d'atmosfera, fortemente malinconico e piacevolmente lento, diretto da un'attrice passata dietro la macchina da presa. Un film adatto a ogni tipo di pubblico.

 

locandina

Martyrs Lane (2021): locandina

 

Inghilterra. Leah (Kiera Thompson), una bambina di dieci anni, vive in una canonica assieme al padre Thomas (Steven Cree), la madre Sarah (Denise Gough) e la sorella maggiore Bex (Hannah Rae). Nonostante la continua presenza di parrocchiani che di giorno frequentano l'abitazione, durante la notte la grande casa le sembra cupa e piena di ombre. E proprio di notte Leah viene visitata da una sconosciuta bambina (Sienna Sayer) mascherata da angelo, incontrata precedentemente in un bosco, con la quale instaura un intenso rapporto d'amicizia. Per diverse volte la piccola amica si presenta a Leah ma, di volta in volta, le visite notturne si fanno sempre più inquietanti quando la bambina misteriosa dimostra di conoscere la posizione di oggetti smarriti, legati a un tragico passato.

 

"Le persone non lasciano indietro i loro spiriti, quando muoiono. Lasciano solo cose, solo ricordi."

(Padre Thomas)

 

Sienna Sayer

Martyrs Lane (2021): Sienna Sayer

 

L'attrice Ruth Platt - Janina nel pluriacclamato film di Polanski, Il pianista (2002) - nel 2019 dirige un cortometraggio dal titolo Martyrs lane, un horror psicologico che affronta il tema della perdita, il distacco dagli affetti più cari. Un soggetto malinconico e melodrammatico, che viene in seguito ulteriormente sviluppato per essere elaborato in un film vero e proprio. Dopo avere esordito quello stesso anno in regia con The black forest, una commedia drammatica molto apprezzata, la Platt sente la necessità di tornare ad approfondire il tema del distacco improvviso e illogico che può colpire un genitore, quando costretto a subire uno straziante evento come può essere la perdita di un figlio piccolo. Per riuscire ad elaborare un lutto di tale portata occorre appoggiarsi a qualcosa di irrazionale, di inspiegabile. Martyrs lane non a caso è ambientato in una famiglia della Chiesa anglicana, dove il matrimonio è consentito ai sacerdoti (nel film compare anche un vescovo donna e di colore). Perché solo la Fede, un atto irrazionale per eccellenza, può aiutare a superare un dolore così grande. Questa premessa definisce anche il campo d'azione di Martyrs lane, che è quello del dramma con lievi sfumature horror.

 

Sienna Sayer

Martyrs Lane (2021): Sienna Sayer

 

La Platt ci racconta con eleganza una storia di fantasmi ma non per spaventarci. Il suo obiettivo è di tutt'altro genere. Avvicinare per un attimo il pubblico a quell'inimmaginabile dolore che può essere provocato dalla perdita prematura, dalla rottura di un legame profondo a causa della "morte innaturale" che separa per sempre un genitore dell'amato figlio. Tutta l'opera poggia sulla strabiliante interpretazione di talenti precoci: Kiera Thompson e Sienna Sayer, due bambine prodigio in grado di rendere verosimile il contesto paranormale e di trasformare la tristezza in una forma di orrore ancora più subdolo e penetrante. Al posto degli effetti speciali, abbiamo questa volta in campo "affetti speciali", tipo l'amore, nella sua forma più pura, che lega una madre alla figlia. Abile sceneggiatrice e dotata regista, Ruth Platt riesce a sfruttare nel miglior modo possibile il cast, per dare forma a un'opera potente nella sua lenta evoluzione, straziante nella concezione di base e in grado di far rabbrividire in almeno due o tre circostanze. È probabile che l'autrice abbia visto il film svedese di Tomas Alfredson (Lasciami entrare, 2008), in considerazione dei precisi risvolti narrativi comuni, a cominciare dalla giovane età dei protagonisti per poi proseguire con la messa in scena di un orrore glaciale, più efficace del solito per quanto suggerito e ammantato da un velo di tragica e penetrante malinconica. Le lacrime sul volto della piccola Sienna Sayer, angelo e martire per via di un infausto destino (scolpito nei caratteri di un cartello stradale posto a un crocevia che indica appunto "Martyrs lane"), ci suggeriscono di rielaborare il concetto di religione nei suoi più profondi significati. A chiederci se Dio esista veramente, restando con un ragionevole dubbio di fronte a tragedie spesso del tutto incomprensibili e ingiustificabili. Tragedie che contrastano con i buoni propositi della teologia, facendo apparire in maniera ingannevole, e quasi oltraggiosa, persino il canto sacrale che risuona tra le pareti della chiesa di padre Thomas ("Non móriar sed vivam" - Non dovrei morire ma vivere). Martyrs lane è un bel film, al quale l'etichetta horror va stretta. Promuove valori universali e condivisibili (che dovrebbero anche essere dati per scontati ma non lo sono mai abbastanza) grazie a fotogrammi quasi subliminali (tra le pareti di casa s'intravede ad esempio la bandiera arcobaleno, con la scritta PACE) e richiede uno sforzo sempre più raramente suggerito al pubblico, ossia quello di utilizzare oltre agli occhi, anche il pensiero. Il piacere della visione in questo caso, per quanto gradevole grazie alle ottime scenografie e alla bella fotografia, passa a un livello superiore.

 

Sienna Sayer, Kiera Thompson

Martyrs Lane (2021): Sienna Sayer, Kiera Thompson

 

"Dobbiamo imparare dai bambini.
Amano senza dubitare.
Abbracciano senza avvisare.
Ridono senza pensarci.
Scrivono cose colorate sulle pareti.
Credono ad almeno 10 sogni impossibili.
Non arrivano al cassetto più alto, ma toccano il cielo con la punta delle dita.
E quando vengono affidati al sonno è come se il mondo avesse perso un po’ del suo splendore."
(Fabrizio Caramagna)

 

Trailer 

 

F.P. 13/09/2021 - Versione visionata in lingua inglese (durata: 96'34") / Data del rilascio USA: 09/09/2021

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati