Espandi menu
cerca
X-Men

Regia di Bryan Singer vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 225
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su X-Men

di FilmTv Rivista
6 stelle

Umani e mutanti. Intolleranza e pacifica convivenza. Mutanti che si schierano a fianco dell’umanità e mutanti che, invece, la combattono. Negli “X-Men” creati negli anni ’60 da Stan Lee per i Marvel Comics erano effettivamente contenute molte idee trasferibili al nostro mondo, a un universo post-Blade Runner nel quale i replicanti dotati di superpoteri hanno trovato uno stiracchiato, controverso diritto di cittadinanza: dal ruolo innovativo e tormentoso del “diverso” al conflitto tra i due leader mutanti, il giusto Professor X e l’adirato Magneto, simili nei tratti (Patrick Stewart e Ian McKellen) e nei poteri, pronti a tutto, anche al sacrificio personale, pur di far prevalere la loro causa. E il film di Bryan Singer parte bene, con un antefatto in un lager nazista, con lo shock dell’adolescente Rogue e il suo viaggio a nord per trovare i suoi simili, con il primo faccia a faccia tra il Professore e Magneto. Ma, per strada, è come se Singer abbandonasse tutte le tracce disseminate per concentrarsi sull’ennesima esibizione di effetti speciali e sui tratti più schematici della solita fanta-avventura. Non resta che rimpiangere la solitudine del Pinguino e la fantasia lussureggiante e addolorata di Tim Burton.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 46 del 2000

Autore: Emanuela Martini

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati