Espandi menu
cerca
Drive My Car

Regia di Ryûsuke Hamaguchi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Baliverna

Baliverna

Iscritto dal 10 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 105
  • Post 4
  • Recensioni 2098
  • Playlist 26
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Drive My Car

di Baliverna
9 stelle

In un Giappone moderno e anonimo una bella storia di guarigione e maturazione interiore.

Ecco un film giapponese molto lontano dalle storie di criminalità e dal genere iper-violento in formato Kitano. È un'opera che si prende i suoi tempi, che non ha fretta procedere, e che racconta con semplicità e originalità una storia umanissima di superamento del dolore, specie se impastato ad un senso di colpa difficile da giudicare.

In sottofondo e a parziale commento, scorre il celeberrimo dramma teatrale “Zio Vanja” di Anton Cehov, che non per la prima volta viene utilizzato in questa chiave (penso a “Vanja sulla 42esima strada” di Louis Malle).

I due protagonisti hanno in comune l'essere entrambi segnati da un lutto problematico, perché intrecciato a responsabilità personali che non sono facili quantificare. Forse la ragazza ne ha di più, ma è davvero arduo stilare giudizi netti.

Tra loro c'è evidentemente anche altro in comune, perché a poco a poco i due finiscono per riconoscersi. Si tratta comunque di un cammino lento, un arduo percorso interiore che ha bisogno dei suoi tempi per giungere a maturazione.

La vicenda suggerisce anche che un elemento chiave per superare il dolore è dirlo, esprimerlo, vomitarlo. Il tenerlo nascosto dentro di sé, e persino il negarlo, lo rendono praticamente impossibile da superare. Lo stesso vale per il senso di colpa: deve essere messo a fuoco, espresso e analizzato. E chi non conosce il perdono di Dio deve accusarsi, e poi perdonare se stesso. La colpa viene così smussata e lenita, e quindi metabolizzata.

Il titolo fa un po' il verso alla famosa canzone dei Beatles, ma rimanda, forse, anche al fatto che a volte bisogna farsi aiutare e guidare per uscire dal labirinto del proprio dolore; processo che avviene tuttavia in modo reciproco.

L'unica mia perplessità riguarda la presenza di un'attrice sordomuta (!) che recita Cehov, ma per il resto è un bellissimo film senza sentimentalismi e buonismi, ma profondo, che ha qualcosa da dire sul cuore umano, il quale è in fondo uguale in tutte le culture. All'inizio ci vuole un pizzico di pazienza, ma essa viene poi abbondantemente ripagata.

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati