Espandi menu
cerca
La tigre bianca

Regia di Ramin Bahrani vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Paul Hackett

Paul Hackett

Iscritto dal 2 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 69
  • Post -
  • Recensioni 1582
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La tigre bianca

di Paul Hackett
8 stelle

In una lunga lettera-confessione indirizzata al primo ministro cinese in visita in India, il giovane imprenditore rampante Balram racconta la storia della sua vita, dalle umili origini in una casta di servi alla ricchezza con una start up di successo.

 

Scene di Lotta di Classe a New Delhi potrebbe essere un calzante sottotitolo per questo veemente atto di ribellione al sistema delle caste che per millenni ha contraddistinto la società indiana e ancora oggi costringe milioni di persone in una condizione di sostanziale schiavitù ("come polli nelle stìe" è un po' il leit motiv della narrazione). Tratto da un romanzo di Aravind Adiga, produzione americana diretta da un regista di origini persiane, La Tigre Bianca si colloca a distanza di abbondante sicurezza da Bollywood, decisamente più dalle parti di Danny Boyle, come una sorta di The Dark Side Of The Millionaire. Interessante l'espediente narrativo della lettera al primo ministro come una sorta di allegorico dialogo a distanza tra India e Cina, le "tigri" asiatiche che, con la forza della loro demografia e il bruciante desiderio di affrancarsi da una storia di fame e povertà, sono destinate a soppiantare nella guida dell'economia mondiale un occidente ormai fiacco e decadente. Crudo, potente, spesso beffardo, ben diretto, ben recitato e splendidamente fotografato (dal nostro Paolo Carnera), il film di Ramin Bahrani è sicuramente una lieta sorpresa di questo primo scorcio del 2021.

 

Da vedere: 8/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati