Espandi menu
cerca
Nessuno sa che io sono qui

Regia di Gaspar Antillo vedi scheda film

Recensioni

L'autore

leporello

leporello

Iscritto dal 18 dicembre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 44
  • Post 5
  • Recensioni 665
  • Playlist 9
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Nessuno sa che io sono qui

di leporello
8 stelle

   Sceneggiatura sopraffina, partecipando alla quale il regista Gaspar Antillo merita ulteriori elogi. Vite vissute, vite perdute, vite soltanto agognate. E anche l’amore, perché no: il gigante e la bambina. Si sente forte la presenza  di Pablo Larrain, qui come produttore: come non ricondurre questa trama a quella del “Tony Manero” che lo lanciò sulla ribalta internazionale? Dall’ostinata, grottesca e violenta volontà  di essere ciò che non si è del film di esordio di Larrain, qui si approda alla disperazione di non saper essere (essere stati: la centrifugazione temporale/emotiva data dalla linea narrativa prescelta è forse l’aspetto migliore di tutto il film) ) ciò che si è davvero.

 

 

 

    Musica, un po’ di show-business opportunista, sangue di uomini e di pecore altrettanto innocenti, voli interspaziali sbeffeggiati dai droni, colorati conati di vomito che non bastano per liberarsi di tutto... c’è tanto in questo film. E se, come in “Tony Manero”, non c’è vittoria, non è prevista giustizia (perché la non-giustizia è la base imprescindibile del ragionamento), qui viene offerta una piccola, importante, non semplicemente banale consolazione/spiegazione nei fotogrammi finali.

 

 

   Delicatamente selvatico, allocato nel profondo della natura e dell’anima (compartecipi e complici l’una dell’altra), “Nadie sabe que estoy aquí” è un film molto apprezzabile.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati