Espandi menu
cerca
Undine - Un amore per sempre

Regia di Christian Petzold vedi scheda film

Recensioni

L'autore

gaiart

gaiart

Iscritto dal 30 luglio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 26
  • Post 6
  • Recensioni 310
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Undine - Un amore per sempre

di gaiart
7 stelle

Per chi non conoscesse le Undine o Ondine (dal latino unda), sono creature leggendarie elencate nelle opere sull'alchimia di Paracelso oltre ad essere anche parte del folklore europeo, descritte come creature simili alle fate o altri spiriti acquatici simili. Secondo la tradizione, le ondine sono prive di anima (e quindi è loro precluso l'accesso

Per chi non conoscesse le Undine o Ondine (dal latino unda), sono creature leggendarie elencate nelle opere sull'alchimia di Paracelso oltre ad essere anche parte del folklore europeo, descritte come creature simili alle fate o  altri spiriti acquatici simili.

Secondo la tradizione, le ondine sono prive di anima  (e quindi è loro precluso l'accesso al paradiso dopo la morte), ma possono guadagnarsene una sposando un uomo mortale. Le ondine sono presenti anche nel folklore germanico, dove sono creature misteriose simili alle sirene greche che vivono i fiumi e che talvolta attirano gli uomini fino a farli annegare.

Rappresentate in genere come donne bellissime con la coda di pesce, a seconda delle tradizioni, sono considerate esseri maligni, innocui, o addirittura amichevoli.

 

 
Ondina con un'arpa di Ludwig Michael von Schwanthaler (1855)
 

 

Il film è una intrigante storia che racconta un amore eterno, dove l’antica mitologia si incardina quindi nella più moderna architettura della Berlino contemporanea. Il regista tedesco Christian Petzold dirige qui una straordinaria Paula Beer. 

 

Confermandosi tra i cineasti più originali e narrativamente audaci del presente, Christian Petzold attinge alla mitologia nordica per regalarci una nuova struggente storia d’amore. Sullo sfondo di una Berlino in perenne trasformazione, tra leggende rivisitate, presagi e ossessioni, Undine e Christophe sono gli eroi tragici di un melò che sfida il destino, sospeso tra la terra e la profondità degli abissi, oltre la vita, oltre la morte.”

 

Il prossimo 8 settembre, in occasione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, il regista Christian Petzold verrà insignito del WiCA | Women in Cinema Award, un riconoscimento che vuole contribuire alla visibilità delle donne all’interno de principali Festival cinematografici. Il cinema di Petzold, infatti, ha sempre posto grande attenzione alla figura femminile, mettendo in scena con grande sensibilità il ruolo della donna nelle sue diverse accezioni,

Protagonista del suo ultimo film Undine (Paula Beer), che lavora in un museo di Berlino come storica, dove illustra ai visitatori lo sviluppo urbano della città mediante i plastici che la rappresentano, descrivendo i suoi diversi stadi evolutivi che l'hanno resa la capitale odierna. Un giorno il suo amato Johannes (Jacob Matschenz) decide di lasciarla per un’altra donna, venendo meno alla sua promessa di amore eterno. Affranta, Undine incontra il sommozzatore Christoph (Franz Rogowski) e se ne innamora perdutamente. Questo nuovo amore permette alla donna di rinvigorirsi e ricostruire se stessa, proprio come la sua Berlino, la città che non si è mai spezzata. Ma quanto accaduto non può essere cancellato così facilmente e Undine finisce per imbattersi in quel mito del folklore europeo che la rappresenta.

 

"Undine è una storia d’amore" - spiega il regista Christian Petzold - Ma raccontano un amore impossibile, danneggiato, o uno che forse può evolversi. Questa volta ho voluto fare un film in cui si vede come l’amore si sviluppa e rimane."



 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati