Trama

Flo ha 12 anni e la sua migliore amica è il cane Lassie, con cui vive in un tranquillo villaggio nella Germania meridionale. Un giorno, suo padre Andreas perde il lavoro e ciò comporta la necessità di trasferirsi in una casa più piccola, dove non sono ammessi animali. Con il cuore spezzato, Flo è costretto a separarsi da Lassie e affidarla al conte Von Sprengel. Lassie però non si abituerà al nuovo padrone e quando ne avrà la possibilità inizierà un avventuroso viaggio attraverso il paese per ricongiungersi con Flo.

Approfondimento

LASSIE TORNA A CASA: DA UN CLASSICO DELLA LETTERATURA PER RAGAZZI

Diretto da Hanno Olderdissen e sceneggiato da Jane Ainscough, Lassie torna a casa trae spunto dal romanzo Torna a casa Lassie! di Eric Knight e racconta la storia dell'amicizia indissolubile tra un ragazzino e il suo collie. In particolar modo, al centro della vicenda vi sono il dodicenne Florian e l'inseparabile cane Lassie: migliori amici, vivono felici in un idilliaco centro nella Germania meridionale fino al giorno in cui il padre del ragazzino perde il lavoro. La famiglia è dunque costretta a trasferirsi in un appartamento più piccolo in cui non sono ammessi cani. Seppur devastato, Florian è costretto a separarsi da Lassie, affidata alle cure del Conte von Sprengel, che a sua volta parte per il Mare del Nord con il cane e l'esuberante nipotina Priscilla. In casa del conte, Lassie è però vittima di maltrattamenti da parte del custode Hinz e ciò la spinge a mettersi in fuga e a cominciare un avventuroso viaggio attraverso la Germania alla ricerca del suo amico Flo. Lassie non è l'unica a mettersi in viaggio: non riuscendo a stare con le mani in mano, anche Flo parte all'avventura per cercare il suo amato cane, accompagnato da Priscilla.

Con la direzione della fotografia di Martin Schlecht, le scenografie di Josef Sanktjohanser, i costumi di Christine Zahn e le musiche di Enis Rotthoff, Lassie torna a casa riporta dunque sullo schermo la figura del cane Lassie, un collie dal pelo lungo che è stato negli anni anni protagonista di molti libri, film e serie televisive. Il termine "lassie" significa "ragazza" nel dialetto scozzese ma nell'immaginario comune è legato oramai alla figura del cane apparso per la prima volta in un racconto pubblicato dallo scrittore Eric Knight il 17 dicembre 1938 sul Saturday Evening Post. Nato nella contea dello Yorkshire nel 1897, Knight si trasferì da bambino con i genitori in Sudafrica, dove il padre lavorava come commercianti di diamanti, prima di spostarsi a 15 anni, dopo la morte del genitore, in Massachusetts dal momento che la madre aveva sposato in seconde nozze un americano. Dopo il diploma e il servizio militare durante la Prima guerra mondiale, Knight studiò Arte alla National Academy of Design di New York ma la sua vera passione rimaneva la scrittura, ragione per cui cominciò a pubblicare racconti e recensioni su vari giornali, oltre che collaborare con il regista Frank Capra alla stesura di sceneggiature per la serie di cortometraggi propagandistici Why We Fight (Perché combattiamo, ndr).

Con la moglie Jere, una schermitrice olimpionica, Knight viveva in una fattoria in Pennsylvania e qui allevava cani, tra cui collie, prima di trasferirsi a New York. Ed è ispirandosi al suo collie Toots che crea la figura di Lassie per il racconto Torna a casa Lassie!: presa quando era solo un cucciolo, Toots secondo i Knights era un cane estremamente intelligente, in grado di capire un numero insolitamente alto di parole e di obbedire a numerosi comandi. Il successo del racconto fu tale che Knight venne presto messo sotto contratto da una casa editrice, la Winston Co., per un romanzo che, pubblicato nel 1940, divenne un best seller mondiale e presto un film per la MGM. A causa delle difficoltà a reperire un esemplare di collie femmina per le riprese a fianco di Elizabeth Taylor, allora una bambina di soli dieci anni, e di Roddy McDowall, la produzione scelse come protagonista del lungometraggio il collie maschio Pal, appartenente all'addestratore Rudd Weatherwax: da allora in poi, come per una sorta di rito scaramantico, a interpretare Lassie sullo schermo è stato sempre un esemplare maschio. Leggenda vuole che Pal incassasse un assegno di 250 dollari per ogni settimana di riprese mentre alla Taylor andavano solo 100 dollari. Knight però non fece in tempo a vedere il film finito: morì infatti il 14 gennaio 1943 in un incidente aereo le cui dinamiche non furono mai chiarite.

Torna a casa, Lassie! si rivelò un successo al botteghino di mezzo mondo, dando il via ad altri cinque seguiti usciti nel giro di pochissimi anni. Rispetto al romanzo di partenza, le storie presero una piega diversa rendendo Lassie un fenomeno americano e lontano dalle sue radici. Tale impressione venne poi rafforzata dalla produzione di una serie che, ambientata negli Stati Uniti, si diffuse in tutto il mondo dal 1954 al 1973 trasformando Lassie in una star vera e propria: si tratta infatti di uno dei pochissimi personaggi di finzione ad avere una stella sulla famosa Walk of Fame e il solo animale a comparire nella classica delle 100 icone pop di tutti i tempi stilata dal magazine Variety nel 2005. In tempi più recenti, diversi sono stati i tentativi più o meno riusciti di riportare Lassie sul grande schermo con risultati altalenanti (Lassie e Lassie).

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Lassie torna a casa è Hanno Olderdissen, regista tedesco. Nato a Bielefeld nel 1976, Olderdissen ha studiato Cinema e Teatro ma anche Sociologia all'Università Libera di Berlino prima di cominciare a lavorare nel mondo del cinema con diverse mansioni, passando da assistente a supervisore di set. Il suo… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2020
2020
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito