Trama

Roma, 1976. Valerio (Mattia Garaci) ha dieci anni e una fervida immaginazione. La sua vita di bambino viene sconvolta quando, insieme alla madre (Barbara Ronchi), assiste all'attentato ai danni di suo padre Alfonso (Pierfrancesco Favino) da parte di un commando di terroristi. Da quel momento, la paura e il senso di vulnerabilità segnano drammaticamente i sentimenti di tutta la famiglia. Ma è proprio in quei giorni difficili che Valerio conosce Christian (Francesco Gheghi), un ragazzino poco più grande di lui. Solitario, ribelle e sfrontato, sembra arrivato dal nulla. Quell'incontro, in un’estate carica di scoperte, cambierà per sempre le loro vite.

Curiosità

COMMENTO DEL REGISTA

"La sua figura forte, magnetica, eroica, assurge ad archetipo di un'intera generazione di uomini in cui le emozioni erano percepite solo come debolezza e obbligate ad essere camuffate in silenzi. Nel dicembre del 1976, quando mio padre subì l'attentato, io avevo due anni, abbastanza per comprendere la paura troppo pochi per capire che quell'affanno avrebbe abitato dentro di me per molto tempo. Non sono mai riuscito a dirglielo. Scrivere questa lettera a mio padre tracciando i contorni di una generazione di bambini "invisibili" avvolti dal fumo delle sigarette degli adulti non è stato facile, provare a farlo mutando le parole da private in universali una grande sfida come cineasta e come uomo.

In questi giorni ho riletto la rivendicazione dei NAP rilasciata dopo l'attentato. Solo adesso capisco veramente come la mia infanzia sia stata percorsa a lungo da quella frase "Alfonso Noce sappia che la sua condanna a morte è stata soltanto rinviata. I proletari hanno tanta pazienza e lunga memoria". Per anni ho sentito la paura arrivare nel cuore del giorno e della notte ascoltando gli adulti ripetere quella minaccia come un mantra. Durante tutte le fasi della lavorazione del film ho affrontato una faticosa battaglia interiore. Ho lavorato su due piani distinti: uno fortemente evocativo in forte relazione con la porzione autobiografica della storia, l'altro più libero, emancipato dai miei ricordi e più conforme alla favola dell’amicizia. I due piani tuttavia sono comparati sullo stesso terreno di studio e di indagine.

La forma del film nasce proprio dalla dicotomia di questi differenti criteri. Anche nella drammaturgia abbiamo seguito questo principio: una pagina rincorre il romanzo familiare, la successiva si perde nella favola di quello di formazione. A volte però il calore sconfinato di un ricordo si confondeva con il racconto, spesso ho rischiato di smarrire la strada.

Una vertigine e poi una caduta. Il paradigma da seguire, mi è giunto chiaro durante la preparazione della sequenza dell'attentato. Zenit della crisi. Mi chiedevo da tempo quale fosse la giusta adesione a quel respiro di storia così intimo. La scena che per più di quarant'anni la mia famiglia aveva cercato di dimenticare, andava ricostruita minuziosamente.

Sono ripartito dalla ricerca. Un passo indietro, mi sono chiesto ancora una volta cosa fosse successo quella mattina del 1976. Come un reporter sono andato alla biblioteca nazionale ho consultato ancora una volta i quotidiani dell’epoca usciti il giorno dopo l’attentato.

La nostra memoria è custodita è scolpita lì da quarantaquattro anni.

Conoscevo già molto bene tutta la dinamica dell'attentato, mi mancavano solo alcuni fondamentali dettagli. Non avevo scelta dovevo riaprire quella ferita, riesumando quell'istante sommerso. Ma in che modo? certamente attraverso lo sguardo di Valerio. Ma non bastava.

Mi interessava anche la dinamica dell'assalto narrata come una scena di "guerra" così da autorizzare lo spettatore a smarrire nella pancia lo stesso ansimo di Valerio, avvertendo fino in fondo il suo sollievo una volta ritrovato il suo respiro. Spero di esserci riuscito.

La notte durante la mia infanzia sono rimasto sveglio convinto che l’indomani mattina sarebbero tornati a prendersi mio padre. Molte notti da bambino affacciato alla finestra mentre tutti dormivano. Forse anche questo non l'ho mai raccontato alla mia famiglia".

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (2) vedi tutti

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

Anomala incursione nel cinema politico italiano, Padrenostro tenta la carta intimista per raccontare l’Italia del terrorismo degli anni Settanta. Lo fa osservando la vita del politico Pierfrancesco Favino attraverso gli occhi del figlio Vale, e raccontando l’amicizia di quest’ultimo col misterioso Christian. Le tinte del film sono molto enfatiche, spesso melodrammatiche,… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

CristianoSalmaso di CristianoSalmaso
2 stelle

Ispirato ai fatti di cronaca degli anni di piombo, Claudio Noce dedica al padre Alfonso un film che ripercorre il filo dei suoi ricordi (immaginati); lo fa attraverso gli occhi di Valerio, un bambino che di ciò che accadeva non poteva capire granchè: l'attentato al padre, le sue lunghe assenza, una madre troppo presa dalle preoccupazioni. Alfonso (nel film interpretato da… leggi tutto

1 recensioni negative

2020
2020

Recensione

mafara di mafara
5 stelle

Forse il tentativo di raccontare un periodo storico attraverso una vicenda anche privata ed in più dalla prospettiva di un bambino, non è completamente riuscita. Il film non è riuscito, almeno per quanto mi riguarda, a tirarmi giù ad altezza bambino forse perché è molto difficile rappresentare l'enofme distanza che separa il mondo semi sconosciuto degli…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 21 settembre 2020

Recensione

CristianoSalmaso di CristianoSalmaso
2 stelle

Ispirato ai fatti di cronaca degli anni di piombo, Claudio Noce dedica al padre Alfonso un film che ripercorre il filo dei suoi ricordi (immaginati); lo fa attraverso gli occhi di Valerio, un bambino che di ciò che accadeva non poteva capire granchè: l'attentato al padre, le sue lunghe assenza, una madre troppo presa dalle preoccupazioni. Alfonso (nel film interpretato da…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

port cros di port cros
5 stelle

  77esima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia - In Concorso     Opera dall'impianto autobiografico, il regista Claudio Noce è il figlio del vicequestore Alfonso Noce che fu vittima di un attentato da parte dei Nuclei Armati Proletari, ci porta nella Roma del 1976, segnata dalla tensione degli Anni di Piombo, che ci racconta da un punto di vista…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
5 stelle

VENEZIA 77 - CONCORSO Nell'Italia di metà anni '70, presa nella morsa sanguinosa e feroce delle Brigate Rosse, il piccolo Valerio assiste dalla finestra all'attentato che un gruppo armato infligge al padre e alla sua scorta, ferendo il genitore servitore integerrimo dello stato, per fortuna in modo meno grave di quanto le circostanze avrebbero potuto suggerire. Nella sparatoria un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

Anomala incursione nel cinema politico italiano, Padrenostro tenta la carta intimista per raccontare l’Italia del terrorismo degli anni Settanta. Lo fa osservando la vita del politico Pierfrancesco Favino attraverso gli occhi del figlio Vale, e raccontando l’amicizia di quest’ultimo col misterioso Christian. Le tinte del film sono molto enfatiche, spesso melodrammatiche,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Venezia 2020: Giorno 3

Venezia 2020: Giorno 3

Il Festival di Venezia inizia il suo lungo fine settimana e presenta il primo dei film italiani in concorso. Si tratta di PadreNostro, terzo lungometraggio… segue

Post
locandina
Foto
Pierfrancesco Favino
Foto
locandina
Foto
Pierfrancesco Favino, Barbara Ronchi
Foto
Pierfrancesco Favino, Lea Favino
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito