Espandi menu
cerca
Arancia meccanica

Regia di Stanley Kubrick vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 164
  • Post -
  • Recensioni 2713
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Arancia meccanica

di jonas
10 stelle

“Un titolo ben stronzo. Chi ha mai sentito di arance meccaniche?”. Questo è il commento di Alex alla vista del saggio che lo scrittore sta stendendo mentre i drughi gli entrano in casa, prima di essere massacrato di botte e vedersi violentare la moglie (esperienza parzialmente autobiografica per Burgess, a cui tre soldati stuprarono la moglie durante la guerra). Poi la lettura prosegue: “Il tentativo d’imporre all’uomo, una creatura capace di sviluppo e di dolcezza, capace alla fine di attingere il succo delle barbute labbra di Dio, di cercare d’imporre, dico, leggi e condizioni appropriate a una creazione meccanica, è contro questo che io alzo la mia penna-spada”. Lo scrittore, persona civile e dalle idee progressiste, ha indubbiamente ragione; ma, quando si ritroverà in condizione di vendicarsi di Alex, neanche lui potrà resistere al richiamo della violenza. Perché la cultura non è un antidoto alla violenza: Alex vive sì in un quartiere degradato, ma ama la musica classica (i nazisti ascoltavano Beethoven, ci ricorda Kubrick nell’intervista in appendice al romanzo); e in prigione scopre la Bibbia, della quale apprezza gli episodi di sadismo. E tuttavia la violenza privata, per quanto crudele e gratuita possa essere, resterà sempre un gioco da bambini rispetto alla violenza esercitata dal potere: un potere che ha a disposizione tutte le terapie Ludovico immaginabili per disinnescarla, e che anzi può servirsi della stessa violenza privata per i propri fini (i drughi diventati poliziotti: dice niente, a noi che viviamo nel paese della Uno Bianca, della banda della Magliana e della scuola Diaz?). Una piccola questione filologica è legata alla conclusione del film: Kubrick si basò sulla versione americana del libro, priva dell’ultimo capitolo, e quindi i due finali divergono sostanzialmente; peraltro la circostanza appare un po’ strana, perché il libro è diviso in tre parti (che iniziano tutte con la frase “Allora che si fa, eh?”) di sette capitoli ciascuna, e in una versione con un capitolo in meno è difficile che l’asimmetria passi inosservata. Comunque, uno dei rarissimi casi in cui un grande romanzo ha prodotto un grande film (me ne viene in mente solo un altro: L’età dell’innocenza).

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati