Espandi menu
cerca
Hammamet

Regia di Gianni Amelio vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 139
  • Post 16
  • Recensioni 9165
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Hammamet

di mm40
6 stelle

Gli ultimi giorni di Craxi da latitante in Tunisia.

Hammamet: il titolo è quello del luogo in cui l’azione è (per lo più) ambientata, perché il nome di Craxi Amelio decide tassativamente di non volerlo pronunciare; il perché di tanta reticenza è semplice a spiegarsi: la figura del politico socialista è stata rapidamente cancellata dall’immaginario nazionale, nonostante il peso dello statista nella storia repubblicana e la relativamente recente scomparsa (il film, fra l’altro, esce in concomitanza del ventennale del decesso). Non è dunque un vezzo artistico, ma un chiaro riferimento in certo modo polemico a una realtà assolutamente non edulcorata o drammatizzata gratuitamente nella sceneggiatura (di Amelio e di Alberto Taraglio), improntata anzi a una neutralità disarmante, priva di condanne, attacchi o anche solo minime accuse. Craxi, da questo lavoro lo si evince a perfezione, non è stato un dittatore o un delinquente nato, ma un politico mosso da seri ideali, per lungo tempo al centro della scena, determinante nello scacchiere di molti governi e, con buona pace dei figli e degli aficionados, anche un uomo fragile di fronte al potere, incapace di resistere alle sue lusinghe. Craxi ha fatto anche cose buone, potrebbe essere questo un ottimo sottotitolo della pellicola; certo però che rimane un po’ di amaro in bocca nel vederlo rappresentato a questo modo, senza puntualizzare quantomeno il fatto che il Nostro ad Hammamet ci era fuggito di sua spontanea volontà per evitare dannosissimi processi e probabilissime carcerazioni; ma ad Amelio tutto questo pare non interessare e preferisce piuttosto focalizzarsi su una chiave narrativa thriller inserendo l’ambiguo personaggio di Fausto (pura fiction) e un elemento surreale inquietante che sfocia nella disturbante (e perciò efficacissima) scena del varietà teatrale, verso il finale. Tutto il film grava sulle spalle di Pierfrancesco Favino, truccato in maniera eccellente e molto bravo nello studio del personaggio; in ruoli minori compaiono fra gli altri Renato Carpentieri, Claudia Gerini, Roberto De Francesco, Omero Antonutti, Silvia Cohen e Giuseppe Cederna. 6/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati