Espandi menu
cerca
Rambo: Last Blood

Regia di Adrian Grunberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Marco Poggi

Marco Poggi

Iscritto dal 5 settembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post 6
  • Recensioni 999
  • Playlist 111
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Rambo: Last Blood

di Marco Poggi
7 stelle

Un John Rambo invecchiato torna in America e va ad abitare nel ranch di famiglia, in Arizona, fra cavalli, cameriere messicane che fungono da madri e figlie adottive adolescenti da accudire; ma poi accade qualcosa di brutto alla sua protetta e l'ex-reduce del Vietnam riparte alla riscossa.

Un John Rambo invecchiato torna in America e va ad abitare nel ranch di famiglia, in Arizona, fra cavalli, cameriere messicane che  fungono da madri e figlie adottive adolescenti da accudire; ma poi accade qualcosa di brutto alla sua protetta e l'ex-reduce del Vietnam riparte alla riscossa. Amara pellicola amarcord  (perchè se il film inizia come se fosse un episodio di "WALKER TEXAS RANGER" , o come il film "COMMANDO" ,  ha un finale tutt'altro che felice, perché Rambo resta Rambo anche a settant'anni), forse, chiude una saga storica dei film d'azione, fra scene gore e splatter cattive (vedi quelle ambientate nei cunicuili sottorranei del ranch), concentrate soprattutto nel finale (che sembra Rambo che incontra "IL GIUSTIZIERE DELL NOTTE"   e i serial di  "MAC GYVER"  e di "A-TEAM", ma direttI da Quentin Tarantino, o da Eli Roth, o da Rob Zombie). Sorprende un Sylvester Stallone iper-settantenne in forma e ancora in parte, taglio di capelli alla Rocky e vestiti da cowboy a parte.I cattivi non sono più i russi, i vietnamiti e i brirmani, ma i gangster messicani, specializzati in spaccio di droga e in prostituzione, che sanno solo odiare e non amare...Idee alla Trump, eppure ci sta nel film. L'autore David Morell. che scrisse negli anni'70 "FIRST BLOOD", ovvero il romanzo che diede vita a "RAMBO", il  cine-capostipite della saga, datato 1982,  ha detto che la sceneggiatura non gli è piaciuta e che detesta questo film, eppure, per me, intrattiene ancora e ha i suoi momenti.. Peccato per Paz Vega, che qui appare invecchiata e occhialuta,  relegata in un ruolo di contorno, quando poteva sembrare il contrario.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati