Espandi menu
cerca
Anna

Regia di Luc Besson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Marco Poggi

Marco Poggi

Iscritto dal 5 settembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 22
  • Post 7
  • Recensioni 1235
  • Playlist 120
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Anna

di Marco Poggi
7 stelle

Anna è una modella russa che in realtà è un'assassina, anche se il suo sogno è di uscire fuori da questa vita piena di sangue e di missioni impossibili. Per farlo, però, dovrà vedersela sia con il KGB che gli agenti della CIA. Musica vecchia in fatto di film di spionaggio, ma la cosa è voluta. Ottimi la Luss, la Mirren e Murphy.

Anna è una modella russa che in realtà è un'assassina, anche se il suo sogno è di uscire fuori da questa vita piena di sangue e di missioni impossibili, per vivere come una ragazza normale. Per farlo, però, dovrà vedersela sia con il KGB, che l'ha reclutata ed addestrata, che con gli agenti della CIA, che ricattano e non sono amichevoli, come l'agente Felix Leiter dei film di 007, che cambiava in ogni film volto. Musica vecchia in fatto di film di spionaggio (che, per la cronaca, è persino ambientato nei fra la fine degli anni'80 e i primi anni'90, quando ancora si sentiva il gusto delle classiche storie del genere), ma la cosa è voluta e non spiace per niente. La scelta di affidare il ruolo della protagonista ad una modella, Sasha Luss, è vincente, le prove attoriali di Helen Mirren (dove le cuciono addosso un ruolo, in stile Rosa Klebb dell'indimenticabile Lotte Lenya  di "A 007 DALLA RUSSIA CON AMORE") e Chillian Murphy (che risulta più simpatico qui che quando interpreta il suo Spaventapasseri batmaniano) sono buone, anche se i doppi-tripli giochi, a volte, sono prevedibili, ma è così che sono i film di spionaggio e bisogna stare al loro gioco. Un film di Luc Besson che sarà pure un déjà vu (il suo "NIKITA" è nuovamete citato qui, infatti, specie nei momenti al ristorante, ma Sasha Luss sa farsi valere nelle scene d'azione, restando sexy e mortale, forse più di come apptriva Anne Parillaud, nel 1990, o più di Famke Janssen in "007 - GOLDENEYE"),  ma che diverte e sa divertire. Un buon film d'azione, con location suggetive, come la nostra Milano, che consiglio agli amanti del genere. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati