Trama

Pierre-Paul, 36 anni, ha un dottorato in filosofia ma deve lavorare come fattorino per tirar su uno stipendio decente: un giorno, durante una consegna, si ritrova sulla scena di una rapina finita male: due morti, e altrettanti borsoni pieni di banconote. Cosa fare? Restare a mani vuote, o prenderli e scappare?

Approfondimento

LA CADUTA DELL'IMPERO AMERICANO: IL POTERE DEI SOLDI

Diretto e sceneggiato da Denys Arcand, La caduta dell'impero americano racconta la storia di Pierre-Paul Daoust, un uomo insicuro e timido di 36 anni con la passione per la letteratura e una laurea in filosofia. Poiché non trova un'occupazione, Pierre-Paul è costretto a lavorare come fattorino per avere uno stipendio decente.

Un giorno, mentre consegna un pacco, Paul si imbatte nella scena di una rapina a mano armata che, andando male, provoca due morti. Trova così due borse sportive piene di banconote, diversi milioni in contanti, che decide di prendere e nascondere. Interrogato da due detective della polizia, riesce a cavarsela ma poi, assalito dal rimorso, deve trovare un modo per liberarsi di quel denaro sporco. Solo l'aiuto di Aspasie, una prostituta, e di Sylvain, un ex motociclista appena uscito di prigione, potrebbe salvarlo, soprattutto dopo che il capo della banda a cui i soldi sono sfuggiti manifesta l'intenzione di riprendersi ciò che gli appartiene#, costi quel che costi#.

Tuttavia, servirà loro l'aiuto di una terza mente criminale: il mago della finanza Wilbrod Taschereau, ex cliente di Aspasie. Nel frattempo, Pete LaBauve e Carla McDuff, i due imbranati detective che si occupano del caso, non hanno alcuna intenzione di demordere con le indagini.

Con la direzione della fotografia di Van Royko, le scenografie di Michèle Forest, i costumi di Sophie Lefebvre, e le musiche originali di Mathieu Lussier e Louis Dufort, La caduta dell'impero americano è una riflessione (satirica) sul potere del denaro nella società contemporanea, sempre meno attenta ai valori di un tempo. Ha spiegato il regista: "Realizzo film cercando, nel mio piccolo, di riprodurre uno specchio della vita e del tempo che viviamo. Siamo tutti sottomessi all'impero americano, incluso gli angoli più remoti del nostro pianeta. Quell'impero sta però morendo e le sue convulsioni ci colpiscono in tutta la loro brutalità. Chi ripone speranze in un'ipotetica dimissione di Donald Trump dimentica che nell'antica Roma dopo Caligola arrivò Nerone dando inizio a tre secoli di inesorabile declino. In Canada, il mio Paese, vivevamo comodamente sotto l'ombrello della "pax americana" ma la decadenza morale dell'impero ha infettato anche noi. L'onnipotenza del denaro è uno dei sintomi. Troveremo mai antibiotici abbastanza potenti per combattere tale cancro?".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La caduta dell'impero americano è Denys Arcand, regista, sceneggiatore e scrittore canadese. Nato nel 1941 in Québec, ha studiato Storia all'Università di Montreal muovendo i primi passi come regista nella National Film Board, per cui ha curato diversi documentari di interesse pubblico. Il suo debutto… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Quasi un teorema graffiante e impietoso: il vecchio Arcand ha colpito ancora facendoci anche amaramente divertire, con questo film, molto consigliabile, interpretato da magnifici attori, fra i quali gli splendidi Remy Girard e Pierre Curzì, attori-feticcio dei suoi film più belli.

    leggi la recensione completa di laulilla
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
8 stelle

    Ritorna sugli schermi Denys Arcand, il grande regista quebecois che ha lasciato, nella mia memoria cinefila, almeno due film molto amati: Il declino dell’impero americano (1986) e Le invasioni barbariche (2003), connotati entrambi dalla più acuta e corrosiva analisi, fra il serio e il faceto, delle finte trasgressioni degli intellettuali… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Quando il timido ed impacciato corriere trentacinquenne plurilaureato Pierre-Paul (Alexandre Landry, già ottimo nel piccolo Gabrielle, ove interpretava un disabile con problemi cerebrali) si ritrova nel bel mezzo di una rapina ad un centro commerciale finita in un eccidio, il ragazzo non può fare a meno che sottrarre i due borsoni pieni di banconote, e… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2019
2019
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

    Ritorna sugli schermi Denys Arcand, il grande regista quebecois che ha lasciato, nella mia memoria cinefila, almeno due film molto amati: Il declino dell’impero americano (1986) e Le invasioni barbariche (2003), connotati entrambi dalla più acuta e corrosiva analisi, fra il serio e il faceto, delle finte trasgressioni degli intellettuali…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 22 aprile 2019
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Quando il timido ed impacciato corriere trentacinquenne plurilaureato Pierre-Paul (Alexandre Landry, già ottimo nel piccolo Gabrielle, ove interpretava un disabile con problemi cerebrali) si ritrova nel bel mezzo di una rapina ad un centro commerciale finita in un eccidio, il ragazzo non può fare a meno che sottrarre i due borsoni pieni di banconote, e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
2018
2018
locandina
Foto
Maripier Morin, Alexandre Landry
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito