Trama

La sedicenne Ruby Daly non avrebbe mai pensato di riuscire a sopravvivere alla terribile piaga che ha ucciso il 98% dei bambini americani. C'è invece riuscita e come tutti coloro che sono sopravvissuti ha poteri innaturali. Costoro sono descritti ricorrendo a un colore: i verdi sono super intelligenti, i blu hanno la telecinesi, i gialli controllano l'elettricità, gli arancioni hanno potere sulla mente altrui e i rossi dominano il fuoco. Ruby è una arancione e come tale è pericolosa. Viene spedita a Thurmond in un campo di suoi simili, da dove temendo per il futuro fugge. Da quel momento, la sua esistenza cambierà per sempre.

Approfondimento

DARKEST MINDS: ACCETTARE LE DIFFERENZE CRESCENDO

Diretto da Jennifer Yuh Nelson e sceneggiato da Chad Hodge, Darkest Minds prende il via in un'America turbolenta in cui il 98% della popolazione infantile è morto per una misteriosa malattia e il 2% di sopravvissuti, ritenuto nemico dello stato, è costretto alla fuga.

Quando Ruby si svegliò il giorno del suo decimo compleanno, qualcosa in lei era cambiato. Qualcosa di abbastanza allarmante da spingere i genitori a chiuderla in garage e chiamare la polizia. Qualcosa che l'aveva fatta arrivare a Thurmond, un duro "campo di riabilitazione" del governo. Anche se Ruby era scampata all'epidemia che aveva ucciso la maggior parte dei bambini in America, la misteriosa malattia aveva lasciato in lei e negli altri sopravvissuti qualcosa di gran lunga peggiore: spaventose capacità che non erano in grado di controllare. Ora, a sedici anni, Ruby è considerata pericolosa. Quando la verità che aveva celato viene a galla, riesce per un pelo a evadere da Thurmond. La ragazza fugge, alla disperata ricerca dell'unico rifugio sicuro per quelli come lei: East River. Ruby si unisce a un gruppo di ragazzi, anch'essi in fuga dai "campi". Liam, il loro coraggioso leader, è molto preso da lei ma, per quanto lo desideri ardentemente, Ruby non può rischiare di avvicinarsi troppo. Non dopo quello che è successo ai suoi genitori. Quando arrivano a East River, nulla è come appare, men che meno il misterioso leader del rifugio. Ma ci sono altre forze in gioco, persone disposte a tutto pur di usare Ruby nella loro lotta contro il governo. Ruby dovrà compiere una scelta terribile, una scelta che potrebbe portarla a rinunciare all'unica possibilità di avere una vita degna di essere vissuta.

Con la direzione della fotografia di Kramer Morgenthau, le scenografie di Russell Barnes, i costumi di Mary Claire Hannan e le musiche di Benjamin Wallfisch, Darkest Minds è l'adattamento dell'omonimo best seller di Alexandra Bracken, il primo di una trilogia che comprende anche Never Fade e In the Afterlight. "Il film parla di giovani in grado di sopravvivere grazie ai loro poteri ed è un film d'azione, ma è anche pieno di sentimento. Gli spettatori si identificheranno nei conflitti dei personaggi e si immergeranno nell'incubo in cui vivono. I poteri dei ragazzi sono unici, in contrapposizione con una realtà altrimenti normale. Provate a immaginare di uscire ora per strada e di vedere qualcuno che compie azioni straordinarie. L'idea era di non collocare il film in un periodo storico distante o in un luogo oscuro e futuristico, ma di far credere agli spettatori che tutto ciò che vedono potrebbe accadere. La storia presenta un tema senza tempo, un tema universale, incentrato su alcuni bambini che crescono, diventano adolescenti e scoprono di essere diversi. La gente non li capisce, specialmente gli adulti e il governo, quindi vengono rinchiusi in campi speciali. La storia segue questi bambini mentre crescono e diventano dei giovani adulti in grado di stare in piedi e proteggersi da soli. Penso che la paura di non riuscire a trovare il proprio posto nella società e la ricerca dell'accettazione ci seguano anche nell'età adulta. Darkest Minds trascende però le diverse età dei personaggi: non è un film sull'essere adolescenti. Tutti abbiamo vissuto la fase in cui non ci siamo sentiti del tutto a nostro agio con ciò che eravamo. Il punto è affrontare ciò che non ci piace di noi stessi, che è visto come un difetto, e crescere fino ad abbracciare questo lato. È riuscire a penetrare ciò che ci rende unici e usarlo come un punto di forza. La storia segue una ragazza che, all'inizio, è impotente, fondamentalmente spaventata e si vergogna di ciò che è. Seguendola fino alla fine, la vediamo crescere e diventare una persona forte e autonoma, in grado di fare cose di cui non pensava di essere capace. Chiunque può identificarsi in questo percorso", ha dichiarato la regista.

Leggi tuttoLeggi meno

Curiosità

I COLORI

I poteri dei ragazzi protagonisti di Darkest Minds vengono espressi visivamente ricorrendo all'uso di diversi colori.

Arancio è il colore dei telepatici. Ruby (Amandla Stenberg), classificata con questo colore, sviluppa la capacità di leggere nella mente, d'influenzare le azioni e i pensieri delle persone, di alterarne o cancellarne i ricordi e di cambiarne i sentimenti. Anche Clancy Gray (interpretato da Patrick Gibson) è classificato Arancio e sviluppa capacità telepatiche.

Oro è il colore di coloro che hanno poteri elettrocinetici. Zu (Miya Cech), classificata con questo colore, sviluppa la capacità di creare e controllare l'elettricità. Questa capacità è considerata una delle più pericolose.

Verde è il colore di chi ha poteri mentali e intellettuali superiori. Sebbene nei libri della serie Chubs sia classificato Blu (telecinetico), i realizzatori hanno deciso di conferirgli le abilità dei Verdi, in modo da avere nel gruppo tutte e quattro le tipologie di poteri. Nel film Chubs (Skylan Brooks) sviluppa delle capacità eccezionali come risolutore di problemi e una memoria fotografica formidabile.

Blu è il colore dei telecinetici. Liam (Harris Dickinson) è classificato con questo colore e sviluppa la capacità di spostare gli oggetti con la mente.

Rosso è il colore di quelli che hanno poteri pirocinetici. Il Rosso identifica perciò coloro che hanno l'abilità di creare e manipolare il fuoco. Hanno quindi un potenziale distruttivo immenso e sono considerati tra i ragazzi più pericolosi.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Darkest Minds è Jennifer Yuh Nelson, regista al suo primo film in live action. Nata in Corea del Sud nel 1972, la Nelson è particolarmente nota nel mondo del cinema per aver diretto Kung Fu Panda 2, in grado di incassare oltre 665 milioni di dollari in tutto il mondo, e Kung Fu Panda 3 a fianco di… Vedi tutto

Note

Da un romanzo di Alexandra Brachen.

Commenti (2) vedi tutti

  • Anteprima, in sala dal 14 agosto

    leggi la recensione completa di yume
  • Modesta riduzione dell'omonimo libro di una serie young adult che deve moltissimo del suo storytelling al romanzo Divergent - uscito un anno e sette mesi prima - e fin troppo derivativo dalla serie a fumetti X-Men.

    commento di Leo Maltin
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

yume di yume
6 stelle

      Un’epidemia sconosciuta ha ucciso in breve tempo il 98% dei bambini presenti sul pianeta Terra. I sopravvissuti hanno sviluppato misteriosamente dei superpoteri e pertanto sono visti come una minaccia dal mondo degli adulti. Internati in un lager e divisi con colori indicanti il superpotere individuale, verde (super-intelligenza) giallo (dominio… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
Uscito nelle sale italiane il 13 agosto 2018

Recensione

yume di yume
6 stelle

      Un’epidemia sconosciuta ha ucciso in breve tempo il 98% dei bambini presenti sul pianeta Terra. I sopravvissuti hanno sviluppato misteriosamente dei superpoteri e pertanto sono visti come una minaccia dal mondo degli adulti. Internati in un lager e divisi con colori indicanti il superpotere individuale, verde (super-intelligenza) giallo (dominio…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
locandina
Foto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito