Trama

Un assassino di professione diviene l'obiettivo di un misterioso outsider, che lo perseguita e desidera farlo fuori. Scoprirà suo malgrado che si tratta di una versione più giovane di se stesso.

Approfondimento

GEMINI MAN: UN UOMO CONTRO SE STESSO

Diretto da Ang Lee e sceneggiato da David Benioff, Billy Ray e Darren Lemke, Gemini Man racconta la storia di Henry Brogan, assassino di professione che si ritrova improvvisamente nell'obiettivo di un giovane e misterioso killer che sembra conoscerlo molto bene e previene ogni sua mossa. Al servizio del governo ma oramai giunto a fine carriera, Henry è ossessionato dal corpo di lavoro che ha alle spalle e ha appena deciso di ritirarsi. Informando i superiori dell'imminente ritiro, si ritrova suo malgrado a essere letteralmente cacciato dall'unico assassino del pianeta dotato di capacità che potrebbero metterlo fuori gioco: una versione giovanile di se stesso, un clone ventitreenne che ha il compito di eliminarlo con ogni mezzo possibile. In un'epica rincorsa in giro per il mondo in luoghi come Savannah, Budapest e Cartagena, Henry e Junior saranno protagonisti di combattimenti ravvicinati e adrenalinici, comprensivi di inseguimenti in moto e sparatorie, che metteranno entrambi alla prova.: mentre Henry farà i conti con i fantasmi di un passato che lo affligge, Junior faticherà a capire quale sia la sua vera identità.

Con la direzione della fotografia di Dion Beebe, le scenografie di Guy Hendrix Dyas, i costumi di Suttirat Anne Larlarb e Jennifer Ramirez, e le musiche di Lorne Balfe, Gemini Man si basa sull'idea di far scontrare due versioni differenti dello stesso individuo. Non necessariamente copie, i due sono due esseri umani che differiscono per mentalità e modi di agire: del resto, Junior è stato creato ex novo con l'ausilio della tecnologia e ciò inevitabilmente lo rende differente dalla sua versione "anziana". Ha sottolineato il regista Ang Lee: "Abbiamo preso i cardini del film d'azione e li abbiamo elevati all'ennesima potenza. Nostro obiettivo non era solo fare un buon film ma anche proporre allo spettatore un nuovo concetto di cinema. Abbiamo in un secolo sperimentato con i suoni, i colori e le immagini. Gemini Man, invece, gioca con l'attore al centro della storia facendogli recitare sia la parte del protagonista, il cinquantunenne Henry Brogan, sia quello dell'antagonista, Junior, versione ventitreenne di Henry creata attraverso una nuova tecnologia rivoluzionaria. Vedere un attore che combatte contro se stesso è qualcosa che è stata possibile realizzare grazie alla Skydance del visionario produttore Jerry Bruckheimer e del suo collega David Ellison, che hanno avuto il coraggio di investire in un progetto dalla storia originale che non è un seguito di qualcos'altro e che non appartiene a nessuna saga".

"Da un punto di vista tecnico, Gemini Man è stato girato a 120 frame al secondo e in 3D nativo con qualità 4K", ha aggiunto Lee. "Si è trattata di una scelta coraggiosa ma volevo offrire al pubblico tre qualità indispensabili per un film d'azione: immersione, intimità e urgenza. In tal modo, lo spettatore avrà la sensazione di trovarsi dentro al film, nel pieno dell'azione e davanti al protagonista. L'effetto è così reale da aver chiesto agli attori di rinunciare a qualsiasi artificio, a partire dal trucco. Non volevo esistessero barriere tra attori e spettatori".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Gemini Man è il regista, sceneggiatore e produttore taiwanese Ang Lee. Noto per le sue opere che spesso analizzano il rapporto tra modernità e tradizione, Lee si è trasferito a New York nel 1978 e ha esordito nel 1992 con Pushing Hands, a cui fa seguito Il banchetto di nozze, Orso d'oro al festival di… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Potevano osare di piu, senza infamia, senza lodo, il mio voto 4,5.

    commento di Blogger007
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

werk2 di werk2
5 stelle

Si poteva fare di più, almeno Ang Lee poteva "osare" ed andare oltre il film d'azione prevedibile nonchè  anticipabile come svolgimento della trama. Si esce dalla sala con un senso di incompiuto , oltre al già visto, nessuna tematica o  introspezione psicologica degna da poter essere dibattuta tra amici. Trama esile ed attori con recitazione in automatico. La… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2019
2019

Recensione

werk2 di werk2
5 stelle

Si poteva fare di più, almeno Ang Lee poteva "osare" ed andare oltre il film d'azione prevedibile nonchè  anticipabile come svolgimento della trama. Si esce dalla sala con un senso di incompiuto , oltre al già visto, nessuna tematica o  introspezione psicologica degna da poter essere dibattuta tra amici. Trama esile ed attori con recitazione in automatico. La…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Zagarosh di Zagarosh
6 stelle

Se lo scorso Billy Lynn era un film sulla “società dello spettacolo” (quello della guerra) come la intendeva Guy Debord, sulla separazione insanabile delle immagini dall’esistenza umana, in cui il fotorealismo dei 120 frame al secondo creava una frattura fra ciò che veniva messo in scena e ciò che effettivamente vedevamo, in cui la tenerezza (quella…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 7 ottobre 2019
Clive Owen, Will Smith
Foto
locandina
Foto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito