Espandi menu
cerca
Venom

Regia di Ruben Fleischer vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Fanny Sally

Fanny Sally

Iscritto dall'11 luglio 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 47
  • Post 1
  • Recensioni 1258
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Venom

di Fanny Sally
6 stelle

Comic movie fantascientifico condito da un umorismo a tratti grottesco alternato a buone scene d’azione, che tuttavia non lascia il segno per lo scarso approfondimento dei personaggi.

Nell’universo alternativo dei fumetti Marvel Venom è un super eroe sui generis, essendo dapprincipio una delle nemesi dell’Uomo Ragno. La sua presenza è stata ignorata dalla milionaria saga filmica messa in piedi dalla Disney, ci ha pensato dunque la Sony a dedicargli una trasposizione cinematografica che ne raccontasse le origini.

 

Il progetto è stato affidato al regista Ruben Fleischer, autore della esilarante black comedy dal sapore apocalittico Benvenuti a Zombieland (2009), mentre il ruolo di protagonista è toccato a Tom Hardy, fisico massiccio e faccia da schiaffi, già visto in altri ruoli d’azione, sia sul grande schermo che in serie tv. Qui riveste i panni dell’avventato e coraggioso giornalista d’assalto Eddie Brock, intenzionato a smascherare le malefatte di un’equipe di scienziati capeggiati dallo spregiudicato e cinico Carlton Drake che conducono esperimenti al limite dell’etica dopo aver scoperto l’esistenza di extraterrestri denominati simbionti. Nelle sue indagini finirà per essere contaminato da Venom, un’entità aliena che per vivere sul pianeta Terra si integra nell’organismo degli esseri umani e sceglie proprio lui come ospite, coinvolgendolo nel suo piano di vendetta personale.

 

Lo spunto è intrigante e i tempi del racconto funzionano soprattutto nella prima parte del film, quando assistiamo alla graduale presentazione di queste forme di vita aliene prive di scrupoli che lentamente invadono il pianeta, integrandosi con gli uomini e soprattutto quando viene mostrato lo strano rapporto di collaborazione che si instaura tra il reporter e la creatura mutaforma, un rapporto nel quale umanità e mostruosità finiscono per mescolarsi. L’alieno infatti non segue gli stessi principi morali dell’uomo, ma quest’ultimo finisce per non disdegnare lo straordinario potenziale derivato dall’aver dentro di sé questo essere dotato di forza, intelligenza, velocità sovraumane.

Questo conflitto, sicuramente interessante, tuttavia non viene sviluppato a dovere dalla sceneggiatura e alla fine il contrasto tra le due personalità che compongono il super eroe si risolve molto frettolosamente, così che la seconda parte della pellicola pare virare bruscamente verso lo scontro finale con il vero nemico, Riot, altro simbionte intenzionato ad invadere la Terra col suo esercito.

 

Non mancano delle efficaci scene d’azione che prevedono inseguimenti rocamboleschi tra le strade di San Francisco, ma anche scontri corpo a corpo mediamente ben realizzati, e piuttosto divertenti data l’aggiunta degli imprevedibili superpoteri che entrano in scena grazie a degli ottimi effetti speciali. Quel che manca è una maggiore profondità nei personaggi (praticamente non pervenuta la controparte femminile), che appaiono infatti sin troppo fumettistici nei loro dialoghi e reazioni, intrisi di un umorismo semplicistico e spesso grottesco che conferisce a tutta la storia un tono leggero, quando invece avrebbe potuto essere più cupo.  La regia è svelta e nessuna sequenza resta veramente impressa per iconicità.

 

Trattandosi di un capitolo introduttivo, insomma, restano i soliti difetti di prodotti del genere, rivolti soprattutto al pubblico degli appassionati di questo filone.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati