Espandi menu
cerca
La giusta causa

Regia di Arne Glimcher vedi scheda film

Recensioni

L'autore

emil

emil

Iscritto dal 22 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 48
  • Post -
  • Recensioni 1427
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La giusta causa

di emil
6 stelle

Per un'afosa serata d'estate la piacevole compagnia di Sean Connery non si rifiuta mai!

?

Paul Armstrong (Sean Connery) è un ex avvocato ora docente universitario che si batte contro la pena di morte tenendo conferenze in tutto il paese. Viene contattato dalla madre di un giovane nero condannato a morte, Bobby Hearn (Blair Undrewood, che gli chiede di riesaminare il caso all’indomani dell’imminente esecuzione. Dapprima riluttante, Armstrong si lascia convincere dalla moglie e comincia ad indagare.

?

Discreto legal thriller come ne abbiamo visti tanti negli anni novanta, con una star di prima fascia ed una storia giusta da raccontare.

La prima parte, quella dell’indagine processuale, è senza dubbio la più riuscita: assistiamo infatti alle indagini dell’attempato ma arguto professore, ? che cerca di ricostruire passo dopo passo quelle che furono le indagini, fra leggerezze ed abusi degli agenti all’epoca affidati al caso (uno dei due è un giovanissimo e molto zelante Laurence Fishburne), i quali ? tentano di ostacolare l’operato dello “straniero”. Poi il film giunge repentinamente ad una svolta (prevedibile) e cambia registro , tentando la strada del thriller puro, con qualche pecca in fase di scrittura, troppo audace nell’inscenare l’ altalena emotiva di alcuni dei protagonisti.

Ma nulla di grave, il film è godibilissimo grazie ad alcuni colpi di scena che non sarete in grado di prevedere e soprattutto grazie al mestiere di Sean Connery che presta generosamente le proprie spalle a sostegno del lavoro di questo regista meteora; impressionante (davvero impressionante) la prova di Ed Harris nei panni del serial killer ( perché solo ruoli da sparring per lui?).

Si segnala una giovanissima Scarlett Johansson nei panni della figlia dell’avvocato, agli albori di una prolifica e milionaria carriera.

Chi l’avrebbe mai detto?

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati