Espandi menu
cerca
9 dita

Regia di F.J. Ossang vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 277
  • Post 182
  • Recensioni 4591
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su 9 dita

di alan smithee
8 stelle

locandina

9 Fingers (2017): locandina

TFF 35 - TFFDOC/VIAGGIO

Un uomo fuma in stazione, ma la polizia cerca i responsabili di una rapina e, ritenutolo uno di essi, inizia a seguirlo. Il suo fuggire lo rende colpevole a priori e, dopo essersi imbattuto in un uomo ferito a morte che gli consegna una valigetta, sarà poco dopo acciuffato dagli altri 9 membri della banda e condotto assieme a loro a bordo di un cargo. Destinazione Nowhereland, che nessuno sa dove sia e se ci sia veramente.

Intanto il mare mosso e una sostanza chimica si cui si dimostra carica la nave, ovvero il polonio, sta contagiando tutti i membri dell'imbarcazione. L'arrivo di un seducente e misterioso dottore non farà che dividere in due gruppi i superstiti, protesi a contendersi il bottino, la salvezza e il nuovo mondo che appare all'orizzonte.

scena

9 Fingers (2017): scena

scena

9 Fingers (2017): scena

Alcune frasi magiche:

-"Le città sono come le puttane: si innamorano sempre del loro magnaccia".

-"La cenere comincia l'opera, la natura la  prosegue".
-"Mi sembra di vivere situazioni già vissute...come se ci fosse una maledizione su questo cargo".
-"Siamo legati tra di noi come le dita di una mano....salvo la possibilità di tagliare via il dito che si ribella".
9 Dwight è cinema d'effetto, cinema che guarda al passato, al noir anni '40 e Ossang forse cita quel citazionista geniale di Guy Maddin nel confezionare questo enigmatico imbroglio tutto incognite, effetto chiaro scuro, riflessioni morali e sensi di colpa che affliggono furfanti astuti ma non senza rimorsi. Maddin e il noir morale di Bela Tarr L'uomo di Londra, con cui condivide un bianco e nero strepitoso soprattutro quando il mare è il tempesta ed il cielo non promette nulla di buono.

scena

9 Fingers (2017): scena

scena

9 Fingers (2017): scena

Cinema autocelebrativo e fine a se stesso, si potrebbe obiettare: certo, ma anche un cinema che si fa forza all'atmosfera retrò per ritrovare il clima degli anni d'oro del noir.

Almeno quattro gli attori di razza che riconosciamo tra le dita di due mani (meno uno): Paul Lamy, combattuto protagonista afflirto da sensi di colpa che lo fanno finire invischiato in affari troppo grossi, Pascal Gregory, Gaspard Ulliel, dottore cinico e affascinante, e Damien Bonnard di Rester vertical.

Un cinema che va affrontato predisponendosi senza farsi troppe domande, per essere gustato nelle singole atmosfere che emergono dai vari scenari, senza preoccuparsi troppo se i dettagli della vicenda rimangono un ostacolo difficile da scavalcare.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati