Trama

Shadi, dopo anni vissuti all'estero, è tornato nella città natale di Nazareth per aiutare il padre a consegnare gli inviti di nozze della sorella, un'antica usanza locale palestinese. Mentre i due trascorrono insieme la giornata vagando di casa in casa, emergono a poco a poco i dettagli del loro complicato rapporto e delle loro differenti visioni di vita.

Approfondimento

WAJIB: UN DOVERE SOCIALE

Diretto e sceneggiato da Annemarie Jacir, #Wajib# racconta la storia di Abu Shadi e del ritrovato legame con il figlio Shadi. Abu Shadi è un padre divorziato e insegnante di scuola che, superati oramai i sessant'anni, vive a Nazareth. Dopo il matrimonio della figlia, previsto tra un mese, rimarrà da solo. Shadi, il figlio architetto, arriva invece da Roma dopo anni vissuti all'estero per aiutare il padre a consegnare gli inviti di nozze a ciascun ospite della cerimonia, come vuole una locale tradizione palestinese. Man mano che i due trascorrono la giornata insieme emergono i dettagli del loro fragile legame e delle loro differenti esistenze.

Con la direzione della fotografia di Antoine Héberlé, le scenografie di Nael Kanj e i costumi di Hamada Atallah, Wajib viene così descritto dalla regista in occasione della partecipazione del film al Festival di Locarno 2017: "In Palestina, esiste una tradizione di notevole importanza anche per i giovani di oggi. Quando qualcuno si sposa, gli uomini della famiglia - solitamente il padre e i figli maschi - sono tenuti a consegnare personalmente le partecipazioni a ciascun invitato. Non è prevista alcuna spedizione delle stessa o la consegna per interposta persona. Non consegnare gli inviti di persona viene considerato irrispettoso. Non conosco alcun altro posto del mondo che abbia tale costume o, quanto meno, in cui tale gesto abbia lo stesso grado di importanza che ha per coloro che vivono nella parte settentrionale della Palestina. Wajib, il titolo del film, vuol dire vagamente "dovere sociale". Quando la sorella di mia marito si è sposata, è toccato a lui e a suo padre il dovere sociale di consegnare gli inviti, impiegando cinque giorni ad attraversare la città e i villaggi vicini per portare a termine il compito. Osservandoli in silenzio, mi sono accorta di come la cose fosse a volte divertente e a volte dolorosa. Anche non volendo, durante il tempo trascorso insieme da padre e figlio, sono emersi gli aspetti speciali del loro legame ma anche delle tensioni che hanno testato il loro volersi bene. Dopo quei giorni, ho cominciato a lavorare all'idea di un film sulla fragile relazione padre-figlio e sul costume tutto palestinese degli inviti".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Wajib è Annemarie Jacir, regista e sceneggiatrice palestinese che nel corso della sua carriera ha scritto, prodotto e/o diretto ben sedici film. Il primo cortometraggio da lei diretto risale al 2003, Like Twenty Impossibles, ed è stato il primo corto arabo a essere selezionato per il Festival di Cannes.… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Annemarie Jacir
Foto
locandina
Foto
Il meglio del 2017
2017
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito