Trama

Maria inizia a lavorare in un macello di Budapest come supervisore ma ben presto cominciano a susseguirsi i pettegolezzi sul suo conto. A pranzo sceglie sempre di stare seduta da sola ed è ligia al suo dovere, attenendosi strettamente alle regole. Il suo mondo è fatto di figure e dati impressi nella sua memoria fin dalla prima infanzia. Endre, il suo capo, è un tipo tranquillo. I due lentamente iniziano a conoscersi. Veri spiriti affini, si stupiscono di fare anche gli stessi sogni di notte. Con cautela, tenteranno di far divenire i sogni realtà.

Approfondimento

CORPO E ANIMA: UNITI DAGLI STESSI SOGNI DI NOTTE

Diretto e scritto da Ildikó Enyedi, Corpo e anima racconta l'insolita storia d'amore tra Maria ed Endre in ambiente insolito come quello di un mattatoio industriale. Tutto ha inizio con l'arrivo di Maria, ispettore inviato dalle autorità, nella struttura: i suoi modi fanno nascere qualche sospetto nel direttore Endre, che in un primo momento pensa che lei sia troppo dura, formale e legata a degli standard da seguire sia in campo professionale sia in campo privato. Durante i colloqui aziendali di routine, una psicologa scopre che sia Maria sia Endre fanno sogni uguali ricorrenti. I due sono imbarazzati dalla circostanza, dal momento che al di là del lavoro non hanno alcun tipo di contatto. Il giorno dopo, i due si confrontano nuovamente e realizzano ancora una volta di aver fatto lo stesso sogno, ovvero hanno sognato due cervi che si amano delicatamente in un tranquillo bosco innevato. Accettando la strana coincidenza, non possono ignorare ciò che accade durante il sonno ma non è detto che per i due sia facile ricreare in pieno giorno quell'armonioso rapporto che condividono nelle loro notti solitarie.

Con la direzione della fotografia di Máté Herbai, le scenografie di Imola Láng, i costumi di Judit Sinkovics e le musiche di Adam Balasz, Corpo e anima viene così raccontato dalla scrittrice in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Berlino 2017: "Come accade per ogni mio film, la storia è arrivata solo alla fine. Ho iniziato a lavorare sulla sceneggiatura con il forte desiderio di condividere il mio punto di vista sulla condizione umana e su come viviamo le nostre vite. Desideravo anche mostrare un'appassionata storia d'amore nella maniera meno appassionata che vi fosse. Ho letto allora molte poesie (la poesia è il mio personale rifugio) e il vero punto di partenza per Corpo e anima sono state quattro righe di una poesia della poetessa ungherese Agnes Nemes Nagy. Sono una persona piuttosto solitaria e so cosa si possa nascondere dietro una superficie placida e grigia: quanto dolore, desiderio o passione... Camminando per la strada, osservo il volto delle persone e sono consapevole come, anche dietro anche al più noioso o goffo, si nasconda qualcosa di meraviglioso. In qualche modo, ho voluto condividere tale sensazione: all'apparenza, niente di speciale... ma in profondità, ragazzi miei, c'è molto e molto altro ancora.

L'idea per la trama è poi arrivata da sola improvvisamente: cosa accadrebbe se un giorno incontrassimo qualcuno che di notte sogna le nostre stesse cose? Cosa faremmo? Ne saremmo entusiasti o spaventati? Lo troveremmo divertente, invadente o romantico? Vorremmo approfondire la conoscenza e aprire il nostro cuore all'altro? E se non sapessimo come trattare le nostre emozioni? E se ciò che ne consegue non rispetta le aspettative che nel frattempo ci siamo creati? Ogni risposta, ovviamente, genera ulteriori domande... ma si arriva a un punto in cui ci sono una domanda e una risposta definitive".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Corpo e anima è la regista ungherese Ildikó Enyedi, il cui film d'esordio - Il mio XX secolo - ha vinto la Camera d'Or al Festival di Cannes ed è stato scelto come uno dei migliori 12 film ungheresi di tutti i tempi, oltre ad avere racimolato molti altri premi in giro per il mondo sia per la regia sia… Vedi tutto

Commenti (6) vedi tutti

  • Compendio psicanalitico (libere associazioni, atti mancati) su una relazione sociale nata in un mattatoio tra direttore finanziario dalla mano atrofizzata e anancastica addetta al controllo qualità della carne, che si scoprono in sincronicità onirica (due cervi nel bosco innevato con ruscello).

    commento di Leo Maltin
  • Propedeutica Suggerisco, prima di procedere, di mettere come sottofondo questo pezzo What he wrote di Laura Marling https://www.youtube.com/watch?v=rPkNf_U92i8 che è la strepitosa colonna sonora del film e seguirne il testo. Dopodichè sarete pronti per accogliere la perfezione ..

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Bella l'idea, ma troppo sangue e violenza

    leggi la recensione completa di gianso
  • Storia di una sorprendente affinità spirituale scoperta per caso tra due esseri solitari e repressi che lavorano in un mattatoio ungherese.L'atmosfera è bilanciata tra realtà e sogno,dramma e sottile ironia.

    leggi la recensione completa di bufera
  • La regista, con ironia lieve e con molta delicata grazia, affronta il racconto di un’attrazione impossibile ma prepotente, poiché davvero troppo a lungo erano stati compressi e ignorati i naturali impulsi del corpo e della vita.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Film meraviglioso molto delicato, visione piacevole ogni scena importante un bel racconto con una coppia di attori al totale servizio del film e del suo sviluppo narrativo. Molto belle e vere le scene con le acute osservazioni della donna delle pulizie . Ottima anche la performance dell’attrice slovacca Alexandra Borbely bellissima e sublime.

    commento di claudio1959
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
8 stelle

  Due cervi, maschio e femmina, in un bosco innevato si avvicinano cautamente,incrociano le loro teste, si annusano, si amano con grazia e dolcezza. Queste immagini sono la prime a comparire nel film ungherese CORPO E ANIMA, scritto e diretto da Ildiko Enyedi ( 2017) e ricorrono con la loro poesia e bellezza  lungo il racconto.    Seguono le crude immagini di un… leggi tutto

11 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

gianso di gianso
6 stelle

Bellissima l'idea: due persone, non notevoli problemi  nel rapportarsi con gli altri, che si avvicinano perché hanno lo stesso delicato e dolce sogno: cerva e cervo che si cercano e si trovano in un freddo inverno nella natura fredda e magnificmente selvaggia.   Purtroppo il luogo di ambientazione, un macello di capi bovini serve probabilmene a dimostrare che la realtà… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
3 stelle

L'unione di due solitudini si fonde nella comunanza dei sogni. La regista ungherese Ildiko Enyedi si è aggiudicata l'Orso d'oro a Berlino con questa favola ambientata in un mattatoio (è quasi impossibile resistere alla tentazione di diventare vegetariani, dopo le eloquentissime immagini di sventramenti e sbudellamenti del primo quarto d'ora, con molto corpo e poca anima). Lei… leggi tutto

1 recensioni negative

Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
3 stelle

L'unione di due solitudini si fonde nella comunanza dei sogni. La regista ungherese Ildiko Enyedi si è aggiudicata l'Orso d'oro a Berlino con questa favola ambientata in un mattatoio (è quasi impossibile resistere alla tentazione di diventare vegetariani, dopo le eloquentissime immagini di sventramenti e sbudellamenti del primo quarto d'ora, con molto corpo e poca anima). Lei…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 14 voti
vedi tutti

Recensione

MarioC di MarioC
8 stelle

Piccoli film crescono. Rifiutano la spettacolarizzazione dei sentimenti, propongono spartiti di ego devastati, sceneggiano doppi binari di lettura che infine si fondono mirabilmente in una lodevole unicità. Corpo e anima è la interazione poetica tra un sogno (più sogni, meglio: favolisticamente uguali) e la realtà che di quel sogno (di quei sogni) si fa terreno di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Maria (Alexandra Borbély) lavora come addetta al controllo qualità in un mattatotio di Budapest. E’ ossessionata dalla precisione, ha una memoria fotografica ed è in possesso di un’intelligenza non comune. Tutte cose che gli procurano seri problemi relazionali. Svolge con eccessivo scrupolo il suo lavoro ed è derisa dagli operai per la stranezza dei suoi…

leggi tutto

Recensione

almodovariana di almodovariana
7 stelle

Mi ha lasciato senza parole...un film crudo e poetico, realistico e minimalista. Shockante...nella relazione tra i due protagonisti il linguaggio è un "ostacolo" che viene rimosso solo attraverso una comunicazione non verbale, animalesca e istintiva. Una sorta di Von Trier senza sovrastrutture.Bellissime le immagini dei cervi nelle foreste innevate e la canzone di Laura Marling.

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Disponibile dal 18 aprile 2018 in Dvd a 14,99€
Acquista

Recensione

Tetsuo35 di Tetsuo35
7 stelle

Un uomo e una donna condividono lo stesso posto di lavoro ma entrambi hanno dei limiti che tenderebbero ad allontanarli se un evento surreale che li accomuna non li avvicinasse.   Il titolo, programmatico, riassume in maniera netta l’argomento del film: si parlerà di corpo e anima, di come l’uno sia limitato dall’altro e di quanto sia difficile trovarne una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 21 voti
vedi tutti

Recensione

stefanocapasso di stefanocapasso
9 stelle

Una nuova ispettrice arriva al macello di Budapest. Maria, addetta al contrario di qualità rivela una personalità particolare, ossessiva e metodica, poco incline al contatto con gli altri. Il direttore Endre, un uomo di mezza età, disilluso, tendente al pessimismo entra casualmente in relazione con la giovane donna in seguito alla scoperta di un sogno che ogni notte fanno…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

gianso di gianso
6 stelle

Bellissima l'idea: due persone, non notevoli problemi  nel rapportarsi con gli altri, che si avvicinano perché hanno lo stesso delicato e dolce sogno: cerva e cervo che si cercano e si trovano in un freddo inverno nella natura fredda e magnificmente selvaggia.   Purtroppo il luogo di ambientazione, un macello di capi bovini serve probabilmene a dimostrare che la realtà…

leggi tutto

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
7 stelle

È possibile un incontro tra due solitudini  portatrici di psicologie complesse  attraverso i meandri inconsci della mente, o usando questi percorsi può  nascere anche una relazione costruttiva e appagante? Dopo essersi aggiudicato l'Orso d'Oro a Berlino, per definire in breve Corpo e Anima della regista ungherese Ildikò Enyedi, il coro unanime della…

leggi tutto

Recensione

bufera di bufera
8 stelle

  Due cervi, maschio e femmina, in un bosco innevato si avvicinano cautamente,incrociano le loro teste, si annusano, si amano con grazia e dolcezza. Queste immagini sono la prime a comparire nel film ungherese CORPO E ANIMA, scritto e diretto da Ildiko Enyedi ( 2017) e ricorrono con la loro poesia e bellezza  lungo il racconto.    Seguono le crude immagini di un…

leggi tutto

Recensione

leporello di leporello
8 stelle

   L’incipit parte subito senza mezzi termini: una coppia di cervi cammina in un paesaggio boschivo innevato, metafora al tempo stesso sì di libertà, ma anche di quanto pesi il detenerla; la cerva, nel camminare, non guarda dritto davanti a sé, ma procede alla cieca tenendo il capo leggermente inclinato verso il compagno che la precede; questi, a sua volta,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Il meglio del 2017
2017

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

FESTIVAL DI BERLINO 2017 – ORSO D’ORO / CINEMA OLTRECONFINE In una foresta innevata due cervi, un maschio ed una femmina, vivono placidamente in coppia come in una simbiosi estatica. Un’altra sequenza ci catapulta in ben altro ambiente: un mattatoio ove sono appena arrivate delle mucche, pronte ad essere terminate, sezionate e la carne destinata alla lavorazione. Il…

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito