Espandi menu
cerca
Cane di paglia

Regia di Sam Peckinpah vedi scheda film

Recensioni

L'autore

GIMON 82

GIMON 82

Iscritto dal 7 marzo 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 106
  • Post -
  • Recensioni 452
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Cane di paglia

di GIMON 82
10 stelle

Chi genera la violenza?

Il singolo individuo? le relazioni sociali? O è la societa stessa a nevrotizzare gli onesti cittadini?

E' una domanda urlata quella del film di Peckinpah.

E' una libera espressione citata a inizio film,quando dei bifolchi carpentieri domandano al professore Dustin Hoffman sul dilagare della violenza americana.

L'America con gli omicidi e le rivolte "sociali" è un membro totalitario di violenza.

Come l'intera societa',basata su fondamenta di sopraffazione e nevrosi sessuale,verbale o fisica.

Accade allora l'innesco d'un meccanismo "a domino",uno schema (irr) razionale,che distrugge convenzioni e moralita' radicate nel mite professore americano.Confinato dagli studi matematici nell'entroterra inglese,l'uomo conosce scherno e provocazione dei rozzi abitanti d'un villaggio.

Subisce il tutto passivamente,quasi sorridendone su.

La sua dolce meta' Amy,è una bionda conturbante,inquieta e passionale,contrapposta alla mitezza d'un marito sedentario e razionale.

Un quadro familiare presentato da Packinpah in modo rituale e quadrato.Tuttavia si respira un aria imprevedibile che sopraffarra' ogni cosa.

 

La testimonianza si ha nel nervosismo palpabile,racchiuso nella "normalita'" borghese della coppia.

Sara' la donna a "schiudere" il guscio della convenzione,subendo uno stupro dalle tinte controverse.

Amy respinge e "accetta" le pesanti avances d'un abitante del villaggio,subisce la violenza con dolore,ma conscia d'un piacere fisico che l'inerme marito sembra non dargli.

Il punto nevralgico di "Cane di Paglia" è innescato qui,nella stanza all'odore di sesso brutale.

Ralenty cristallini a testimoniarne dolori,disgusti e piaceri d'una donna.Il racconto di Peckinpah assume ora una visione frammentaria,montaggio e flashback all'odore d'un "caos" balordo.La frazione provinciale degli ubriaconi e il nido familiare cadono nel baratro.

Ora non vi sono piu' i parallelismi tra personaggi,tutti divengono un "humus unicum".

Provinciali bifolchi e uomini educati si miscelano,gli uni tra i fiumi dell'alcol,l"altro" per estrema autodifesa.

La casa del mite professore come fortino assaltato,al suo interno si muovono personaggi ormai abbrutiti.

A guidarli la mano virtuosa del grande Peckinpah,burattinaio d'un teatro disturbante e allucinato.Non esistono piu' differenze sociali ora,ma solo sangue e (auto)martirio,figlio d'un cinema realistico e altamente metaforico.La metafora d'una societa' sordida,dove Peckinpah è oratore senza scampo.L'assalto finale è pagina da cinema urlato e violento,basato sull'azione nevrotica come suggello totale.

 

La splendida ripresa finale ricade sul grande Dustin Hoffman,"corsaro" nel suo nido,che ha "perso la strada" e anche se stesso.

Un "the end" chiarissimo nell'intercedere,completo sullo sguardo allucinato del personaggio chiave.

A Peckinpah piace concludere con eufemismo,(aff)fidandosi della performance da urlo di Hoffman e alla prova "Fisica" della bella Susan George.

Amy e Jeff come figure d'un opera complessa e straordinaria nella costruzione dell'immagine intrisa di metafora.

Un manifesto duro e compatto che con "Arancia Meccanica" si contende "la palma" della violenza nel cinema anni 70.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati