Espandi menu
cerca
Martha

Regia di Rainer Werner Fassbinder vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 90
  • Post 64
  • Recensioni 4475
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Martha

di sasso67
8 stelle

Martha fa parte di una famiglia fondamentalmente tarata. Forse è convinta di vivere in un melodramma, fin da prima di conoscere il futuro marito Helmut. Quando il padre è colpito da un infarto non riesce ad aiutarlo e lo lascia morire, né aiuta la madre quando questa viene colpita da un malore. Però accetta le imposizioni di un marito sadico, che impone in casa un’atmosfera di autoritarismo, ammantato di amore coniugale. Come dimostra la prima magistrale ( e celeberrima) scena nella quale Martha incontra Helmut, nel cortile dell’ambasciata tedesca a Roma, la donna è avviluppata in questa atmosfera di sottile e crudele sadismo. Lo stesso movimento rotatorio sottofonda la sequenza nella quale Helmut chiede, freddamente, a Martha di diventare sua moglie: sullo sfondo si notano in movimento, le giostre di un luna park. Il melodramma fassbinderiano, condotto con colori molto anni cinquanta (soprattutto i rossi e i verdi, che sembrano usciti da un vecchio film Ferraniacolor), si raffredda e si scalda a seconda degli umori di Helmut, mentre la mentalità borghesissima di Martha non le permette di prendere pienamente coscienza della sua condizione di schiavitù e di ribellarvisi una volta per tutte. “Martha” è uno dei quattro film che Fassbinder mandò nelle sale tra il febbraio e il giugno del 1974, e sicuramente uno di quelli degni di figurare in una sua ideale antologia sia per la sapienza drammaturgica che per la resa figurativa (ottimo il lavoro del direttore della fotografia Michael Ballhaus). Inoltre, per lucida crudeltà (nella proposizione degli aspetti sadomasochisti del matrimonio) e sapienza descrittiva delle psicologie, ricorda certe prove grottesche di Buñuel.

Su Margit Carstensen

Si sottopone con impassibile bravura ad un vero e proprio tour de force psicologico - recitativo.

Su Karlheinz Böhm

L'occhio che uccide i sentimenti...

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati