Espandi menu
cerca
Il laureato

Regia di Mike Nichols vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Peppe Comune

Peppe Comune

Iscritto dal 25 settembre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 166
  • Post 41
  • Recensioni 689
  • Playlist 51
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Il laureato

di Peppe Comune
8 stelle

Benjamin Braddock (Dustin Hoffman) è il giovane rampollo di una ricca famiglia. Si laurea col massimo dei voti ed è destinato ad una brillante carriera nel mondo degli affari. Per l'occasione viene organizzata una festa sontuosa. Ad un certo punto della serata la signora Robinson (Anne Bancroft), moglie del socio in affari del padre, gli chiede se può riaccompagnarla a casa. Quindi lo fa scendere per bere qualcosa e inizia uno strano gioco di seduzione che ha la meglio sulle impacciate resistenze del ragazzo. Na nasce una relazione, che dura fino a quando Benjamin non conosce la figlia dei signori Ribinson, Eleine (Katharine Ross), di cui si innamora ricambiato perdutamente. Ma l'amore vero si nutre di verità e Benjamin non può nascondere all'amata di aver avuto una relazione con sua madre.

 

Dustin Hoffman

Il laureato (1967): Dustin Hoffman

 

"Il laureato" è considerato uno dei film più rappresentativi su quel malessere giovanile che nell'America di fine anni sessanta cominciava a palesarsi anche negli ambienti benestanti. In effetti te ne fa respirare la sensazione attraverso la rappresentazione di un amore sincero violentato dalle pastoie del perbenismo borghese. Basta questo per renderlo un film di culto, meritevole di un'attenzione che va oltre le sue pur indubbie qualità : che vanno dalle impeccabili interpetrazioni di Anne Bancroft e del quasi esordiente Dustin Hoffman, perfetti nell'aderire alle caratteristiche psicologiche dei loro personaggi, alla regia sobria di Mike Nichols, bravo nel far emergere il senso del disagio generazionale in atto più dall'indeterminatezza esistenziale dei giovani che da aspetti apertamente politici ; da alcune sequenze entrate indelebilmente nell'immaginario collettivo (quella in chiesa naturalmente, ma anche quelle di Benjamin vestito da sub o tutto il piano di seduzione ordito dalla signora Robinson), alle canzoni di Paul Simon e Art Garfunkel, una tracklist di profonda incisività emotiva. Benjamin Braddock ha tutto per essere felice e spensierato, di godersi la vita e guardare al futuro con ottimismo. Eppure incarna il paradigma di una generazione investita dalle pulsioni innovative presenti nell'aria, dai germi contestatari di un moto libertario in via di sviluppo. La sua condizione sociale lo mette nella difficile posizione di vivere in una famiglia ricca e di respirare l'aria di ribellione che inizia a serpeggire nella società, di assorbire i condizionamenti propri del mondo in cui è cresciuto e di riflettere verso l'esterno l'insofferenza a sopportarne la rigida ritualità formale. Gli studi sono terminati ed il tempo delle scelte è arrivato. Il rango sociale impone il rispetto delle etichette e il suo disagio è tanto il frutto della paura di non saper corrispondere alle aspettative imposte dalla sua condizione familiare, quanto figlia del rifiuto istintivo di adagiarsi opportunisticamente su privilegi consolidati e comodità date. La relazione clandestina con una donna che lo ha visto bambino, che sa come iniziazione alla "vita adulta" per l'uno e ha la forma dell'adempimento di un gioco perverso per l'altra, insieme al fatto che la signora Robinson ha preso il suo solito posto accanto al marito, pronti a benedire insieme il matrimonio "riparatore" della figlia, mentre lui è stato pubblicamente bandito per aver assecondato l'ingenuità dei suoi istinti carnali, diventono lo specchio fedele di un mondo retto dall'ipocrisia, quello che ha imparato a guardare in faccia e dal quale non vuole farsi imprigionare per sempre. L'amore per Elaine, Eleine stessa, sono cose vere e sincere, cose da preservare da quegli atteggiamenti di facciata che tanto servono per conservare una buona reputazione e a perpetuare in eterno la farsa delle convenzioni sociali. La corsa frenetica di Benjamin (a bordo di un'Alfa Romeo Duetto) e l'affannosa salita sulle scale nella celeberrima sequenza in chiesa sanno come una solenne lotta per la liberazione. Le sue sono urla di disperazione contro la santificazione dell'inganno.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati