Espandi menu
cerca
Black Rain - Pioggia sporca

Regia di Ridley Scott vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alfatocoferolo

alfatocoferolo

Iscritto dal 20 marzo 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 98
  • Post 16
  • Recensioni 2252
  • Playlist 58
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Black Rain - Pioggia sporca

di alfatocoferolo
6 stelle

Mi spiace ma non condivido l'entusiamo di molti per questa pellicola che ha sicuramente dei pregi e mostra che Scott ci sappia fare dietro la telecamera ma è infarcita all'osso di stilemi americani iper-inflazionati che generano un pesante senso di irritazione e déjà vu. I poliziotti americani giocano sempre a chi ce l'ha più grosso anche quando sono fuori dal loro contesto e non possono evidentemente permetterselo, ogni frase, ogni movimento è nello stile dei polizieschi americani. Sorrisetti a mezzo volto forzati, battute da inserire a tutti i costi ovunque ("usa le palle, non usare il cervello" dirà Nick a Matsumoto), il solito contrasto tra la cultura nipponica e quella americana, il prototipo del poliziotto efficiente e brillante ma dalla morale sporca e dai modi sbrigativi e anticonformisti e tanto tanto altro che si può trovare in qualsiasi poliziesco da "Il braccio violento della legge" in poi. Una sufficienza la merita e si può guardarlo senza particolare sofferenza ma solo perché Ridley Scott ci sa fare e c'è un cattivo, Sato, caratterizzato davvero bene. All'attore che lo impersona, Yusaku Matsuda, Scott dedicherà la pellicola. Morirà dopo le riprese a causa di un tumore alla vescica che lo stava già uccidendo mentre recitava. Voto: 6.

Sulla trama

Nick è un poliziotto ipercazzuto che ha una morale tutta sua e si frega qualche soldino dai bottini degli arresti, perché in fondo è giusto così. Come sempre in tutti i polizieschi, Nick è malvisto dai suoi principali nonostante sia in grado di scoperchiare da solo mezza criminalità organizzata di una metropoli. Charlie è il suo amico ventottenne messo lì per strappare qualche sorriso, fargli da spalla e fornire un contraltare alla sua seriosità da noir dei poveri. Nick arresta Sato, uno della Yakuza ma il suo capo lo obbliga ad accompagnarlo in Giappone sotto pressione dell'ambasciata. In Giappone glielo ciulano sotto il naso ma siccome lui è ipercazzuto allora riesce a svolgere indagini migliori di quelle dei colleghi nipponici nonostante non capisca una beneamata di giapponese e nessuno voglia dargli informazioni utili alle indagini. Praticamente un supereroe. Finale molto molto a sorpresa.

Sulla colonna sonora

Buona.

Cosa cambierei

Michael Douglas ed i dialoghi.

Su Ridley Scott

Bravo.

Su Michael Douglas

Irritante, cerca di impersonare il tipico poliziotto da film ma finisce per apparire più come una caricatura.

Su Andy Garcia

Dovrebbe alleggerire certe scene ma i dialoghi quelli sono e nonostante il suo personaggio sia discretamente riuscito, ci sono fasi in cui anche lui appare a disagio (vedi scenetta in cui canta con il collega Matsumoto).

Su Ken Takakura

Bravo, ha il volto giusto per il ruolo.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati