Espandi menu
cerca
Bellissima

Regia di Luchino Visconti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 163
  • Post -
  • Recensioni 2674
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Bellissima

di jonas
9 stelle

Viene bandito un concorso per selezionare una bambina che partecipi al nuovo film di Alessandro Blasetti (che compare nella parte di sé stesso), e una donna del popolo si mette in testa di far vincere a ogni costo la figlioletta. Un film spaventosamente profetico, che parla di cinema ma che oggi potrebbe applicarsi benissimo ai nuovi e sempre più volgari miraggi alimentati dalla tv. La prima parte descrive le stazioni della via crucis mondana percorsa da madre e figlia: studio del fotografo, atelier della sarta, maestra di recitazione, scuola di ballo, salone del parrucchiere; una via crucis che culmina con l’avvento dell’intrallazzone frequentatore del sottobosco di Cinecittà e prodigo di promesse (un personaggio che poi diventerà tipico della commedia italiana, vedi per es. il Manfredi di Io la conoscevo bene). Poi, all’improvviso, ecco l’immersione nella realtà: l’incontro con Liliana Mancini, che aveva (davvero) recitato in Sotto il sole di Roma, si era illusa di avere un futuro come attrice, è finita a lavorare in sala montaggio ma non si sente sconfitta, perché ha aperto gli occhi. Una scena chiave, che prepara il meraviglioso finale: alla vista della miseria morale dei cinematografari che sghignazzano davanti a una bambina in lacrime Maddalena Cecconi non solo rinsavisce, ma recupera la propria dignità umana (che aveva solo smarrito, non perduto); e sua figlia può finalmente dormire in pace, libera dalle ossessioni materne.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati