Trama

Quattro diversi momenti della vita di quattro personaggi femminili. La giovane Sandra si trasferisce a Parigi ma va incontro a un disastro. L'adolescente Karine vive una successione infinita di fughe, avventure amorose e contrattempi, perché qualsiasi cosa è meglio della sua desolata casa di famiglia. La piccola Kiki è al centro di una tragedia nata come un semplice gioco a nascondino. Una donna adulta, infine, crede di essere al sicuro dal suo passato quando gli eventi la smentiscono. A poco a poco i quattro personaggi finiranno per rivelarsi come le differenti facce della stessa donna.

Approfondimento

QUATTRO VITE: UNA DONNA IN QUATTRO FASI DI VITA

Diretto da Arnaud des Pallières e sceneggiato dallo stesso con Christelle Berthevas, Quattro vite racconta quattro differenti momenti di vita di altrettanti personaggi femminili: una bambina di campagna, impegnata a giocare a nascondino senza sapere la tragedia che l'attende; un'adolescente, protagonista di una successione infinita di fughe, uomini e incidenti, perché ogni cosa è meglio della sua desolata routine familiare; una giovane che si trasferisce a Parigi ma che ha una predisposizione particolare per i disastri; una donna, un po' più adulta, che si crede al sicuro ma che è costretta da un momento all'altro ad affrontare il proprio passato, tornato inaspettatamente a galla. A poco a poco, i quattro personaggi finiranno per formare un'unica eroina.

Con la direzione della fotografia di Yves Cape, le scenografie di Guillaume Deviercy e i costumi di Nathalie Raoul, Quattro vite è stato così presentato dal regista in occasione della partecipazione al Festival di Toronto 2016: "Quattro vite nasce dal desiderio di raccontare qualcosa che non parlasse di me o delle mie esperienze. Nel gennaio del 2010, ho chiesto a Christelle Berthevas di mettere su carta i dettagli inerenti alla sua infanzia e la sua giovinezza: la sua infanzia e adolescenza in campagna, i suo trasferimento da giovanissima a Parigi e la sua esperienza da adulta impegnata in problemi di coppia e lavoro. Sapevo quanto fossero stati problematici alcuni suoi momenti e volevo che lo spettatore vivesse in prima persona le sue lotte di vita e per la libertà. Del resto, faccio film per sperimentare vite diverse dalla mia. Per entrare per la prima volta nella mente di una donna, per me era fondamentale trovare ispirazione in una storia vera e non in un romanzo".

"Raggiungendo una certa età - ha proseguito il regista - si può guardare indietro e scoprire come tutto intorno è ambiato: i luoghi, le persone,, le abitudini. La nostra vita è come se fosse composta da diverse vite. Come ha sostenuto il poeta Walt Whitman: Sono vasto, contengo moltitudini. La figura centrale di una storia autobiografica non può essere sempre la stessa ma varia in base all'età. Avere sei anni non è come averne tredici, venti o trenta. Per tale ragione, per raccontare di una sola vita, ho immaginato il film diviso in quattro periodi: infanzia, adolescenza, gioventù ed età adulta. Proprio come una bambola russa, la più adulta Renée contiene al suo interno Sandra, che a sua volta ingloba Karine, che racchiude in sé la piccola Kiki. In un gioco a ritroso, vado alla ricerca del nocciolo della storia e degli eventi che, accaduti nell'infanzia, segnano il percorso di un'intera vita".

Ha infine concluso: "Lo spettatore capirà rapidamente la struttura di Quattro vite, fatta di quattro diverse attrici che interpretano quattro periodi della vita di una donna. Ovviamente, le quattro donne non si somigliano: del resto, perché farle apparire uguali quando a ogni età piace rivendicare una propria identità e ridefinirsi in opposizione alla precedente fase di vita? La coerenza del personaggio, con la sua continuità, è l'unica cosa che conta. Non è molto diverso dalla vita reale: ogni donna è sempre la stessa al di là delle sue diversità d'aspetto".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Quattro vite è Arnaud des Pallières, regista e sceneggiatore francese. Nato a Parigi nel 1961, Pallières ha cominciato a frequentare corsi di teatro a 16 anni e, dopo aver studiato Letteratura, ha mosso i primi passi come regista di diverse opere teatrali. Da studente di cinema, ha avuto modo di… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Quattro drammatiche vite di donne differenti , scoprono i dettagli - cronologicamente organizzati in senso contrario - di una unica vita sregolata e sopra le righe, ma di certo non senza sentimento. Un film enigmatico e sconnesso, interessante e popolato di grandi nomi.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

In ordine tutt'altro che cronologico: Una giovane professoressa viene raggiunta in classe da una avvenente ex amica, detenuta appena rilasciata dopo aver scontato una pena per spaccio anche in vece della compagna. Ma ora la donna rilasciata vuole la metà del malloppo. In realtà tutto ciò serve alla polizia per seguire l'ex carcerata ed arrestare la professoressa,… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2020
2020
locandina
Foto
2017
2017

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

In ordine tutt'altro che cronologico: Una giovane professoressa viene raggiunta in classe da una avvenente ex amica, detenuta appena rilasciata dopo aver scontato una pena per spaccio anche in vece della compagna. Ma ora la donna rilasciata vuole la metà del malloppo. In realtà tutto ciò serve alla polizia per seguire l'ex carcerata ed arrestare la professoressa,…

leggi tutto
locandina
Foto
2016
2016
Gemma Arterton, Adèle Exarchopoulos
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito