Espandi menu
cerca
Ossessione

Regia di Luchino Visconti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 208
  • Post 21
  • Recensioni 1398
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Ossessione

di steno79
9 stelle

Memorabile esordio del regista milanese ispirato al Postino suona sempre due volte di James Cain, è il film che, per la sua brusca rottura con gli standard cinematografici in voga nell'Italia fascista, aprì la strada al neorealismo, di cui risulta un antesignano non privo, comunque, di influenze culturali ed estetiche alquanto eterogenee (il "noir" americano e il cosiddetto "realismo poetico" francese). Ritratto fortemente pessimista di una passione destinata a generare distruzione e morte, è un racconto teso e incalzante con momenti di alta drammaticità (memorabile il finale con l'incidente, la morte di Giovanna e la resa di Gino alla polizia). Il film, ben recitato dalla coppia Girotti-Calamai, risulta moderno non solo nella scelta del soggetto, ma anche nelle tecniche di realizzazione e nello stile, che utilizza il piano-sequenza e la profondità di campo con grande intelligenza. Indubbiamente superiore a tutte le altre versioni cinematografiche del romanzo, più fedeli alla lettera di Cain ma meno inventive sul piano dello stile cinematografico. E' anche uno dei primi film italiani dove la tensione erotica fra i personaggi si fa esplicita, anche grazie al sex appeal dei due protagonisti, e dove viene adombrata una relazione di tipo omosessuale (fra Gino e lo Spagnolo), tema decisamente tabù nell'Italia fascista

voto 9/10

 

Locandina

Ossessione (1943): Locandina

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati