Espandi menu
cerca

Trama

Gombo vive nella steppa mongolica con la famiglia (moglie, tre figli, la vecchia madre) secondo i ritmi arcaici e va a caccia con la "urga", una sorta di lazo fissato sulla punta di una pertica. Un giorno, la moglie gli chiede di adeguarsi alla legge sulla limitazione delle nascite. Gombo va in città, con un operaio da lui salvato in seguito a un incidente, per comprare i profilattici.

Note

Fiabetta tediosa e leccatissima, che segna la deriva di un buon regista russo. Il film ha vinto il Leone d'Oro a Venezia nel 1991.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

Leone d’Oro nel 1991. Un film completamente dimenticato. Eppure così particolare, con quella narrazione sopra le righe che mantiene il dramma lontano dal pianto e la fantasia immune dalle sofisticherie dell’arte. La storia di Gombo, un pastore mongolo che, ai tempi della perestrojka, vive con la famiglia in una yurta in mezzo alla steppa, si colloca in quell’alveo di… leggi tutto

3 recensioni positive

2020
2020
locandina
Foto
2016
2016

Recensione

passo8mmridotto di passo8mmridotto
7 stelle

Prima di addentrarci nelle magiche atmosfere di questa favola firmata da Nikita Michalkov, è necessario definire il significato di "Urga". La "urga" è simile a un lazo, fissato alla sommità di una lunga pertica, e serve per catturare selvaggina per il sostentamento di esseri primitivi. Ma serve anche a segnalare il punto della steppa in cui sta avvenendo un accoppiamento…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

sasso67 di sasso67
7 stelle

Da qualche parte stroncato (v. Mereghetti), da altre parti innalzato (il film ricevette il Leone d'oro a Venezia nel 1991), Urga non ha, secondo me, né i crismi del capolavoro né quelli della ciofeca. E tanto meno può essere definito come il film che ha definitivamente minato la credibilità artistica di Michalkov, regista talvolta sopravvalutato, ma da non buttare via…

leggi tutto
2011
2011

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Leone d’Oro nel 1991. Un film completamente dimenticato. Eppure così particolare, con quella narrazione sopra le righe che mantiene il dramma lontano dal pianto e la fantasia immune dalle sofisticherie dell’arte. La storia di Gombo, un pastore mongolo che, ai tempi della perestrojka, vive con la famiglia in una yurta in mezzo alla steppa, si colloca in quell’alveo di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
2002
2002
Locandina
Foto
1991
1991
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito