Espandi menu
cerca
Lo straniero senza nome

Regia di Clint Eastwood vedi scheda film

Recensioni

L'autore

maso

maso

Iscritto dall'11 giugno 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 177
  • Post 3
  • Recensioni 807
  • Playlist 184
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Lo straniero senza nome

di maso
8 stelle

     

 

 

Intrigante western di Eastwood che rivedo sempre con grande piacere, dato che al contrario dei suoi film recenti impalpabili e pieni di luoghi comuni in questo si respira la sua voglia di crescere professionalmente e di affermarsi anche come regista oltre che come interprete, la trama poi è molto ben articolata e la città fantasma ai bordi del lago è un teatro perfetto per svilupparla.

Il meditabondo e cinico sbandato dell'altipiano interpretato da Clintone giunge nella città di Lago in California per portare a galla il marciume e la povertà d'animo insita nei suoi squallidi cittadini, tra i quali si salva solo il nano con cui stringe una significativa amicizia e una tacita collaborazione; il taciturno pistolero dimostra ben presto di essere un tipo tosto che potrebbe risolvere un guaio incombente sulle teste dei viscidi abitanti di Lago: far fuori tre fuorilegge usciti di prigione che

stanno per giungere in città assetati di vendetta nei confronti di chi li ha prima usati, e poi denunciati alle autorità condannandoli a diversi anni di galera, il pistolero solitario accetterà l'incarico ma solo perchè animato dal desiderio di mettere alla berlina e mandare in rovina Lago ed i suoi sudici cittadini.

Sfruttando il tema classico della vendetta Eastwwod ha costruito un film asciutto, spietato, senza un minimo di umorismo ma carico di violenza e sequenze memorabili come lo scontro con i tre banditi o il flashback che rivela l'episodio scatenante di tutta la vicenda: in entrambe le scene l'oscurità e la musica inquietante donano alle immagini un'atmosfera da film horror che mette sotto una luce differente il personaggio dello straniero senza nome, connotandolo di un aura fantasmatica da angelo sterminatore che lo eleva al di sopra di tutti gli squallidi cittadini che intende castigare, a partire dallo sceriffo fino all'albergatore, passando per il sindaco, tutti privi di umanità, vigliacchi ed avidi.

"Lo Straniero Senza Nome" è un film importante nella carriera di Eastwood: è la prova lampante che gli insegnamenti di Sergio Leone hanno dato i loro frutti, ma come ben sapete la mia opinione nei confronti di Eastwood regista è molto bassa e dei suoi film ne salvo veramente pochi.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati