Espandi menu
cerca
The Canal

Regia di Ivan Kavanagh vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Furetto60

Furetto60

Iscritto dal 15 dicembre 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 45
  • Post -
  • Recensioni 2002
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Canal

di Furetto60
6 stelle

Horror del tutto derivativo, ma confezionato con mestiere. Non male

David è un archivista cinematografico, in sostanza visiona e cataloga le pellicole; si è appena trasferito, con sua moglie Alice in una nuova confortevole abitazione, ha un figlio piccolo, che premurosamente accompagna ogni giorno a scuola. Svolge un lavoro routinario e noioso, insieme all’amica e collega Claire, mentre la consorte ha un’intensa vita professionale e mondana. Visionando un’antica pellicola, s’imbatte in un corto che mostra immagini della sua casa, risalenti al lontano 1902, teatro di una sanguinaria e misteriosa strage. La scoperta, lo devasta sul piano psicologico e comincia ad avere inquietanti visioni. Una sera, l'uomo dopo aver intravisto la moglie dialogare fitto con un tizio durante un ricevimento, mangia la foglia e decide di seguirla e infatti la sorprende mentre è indaffarata in un intenso amplesso col suo amante. Non si capisce se lei lo vede, ma comunque lui turbato, non interviene, ma si allontana cominciando a vagabondare; si ritrova così in un bagno pubblico lurido e fatiscente, dove subisce una specie di attacco psicotico: sta male, vomita, ha delle tremende allucinazioni. Trascorsa l'intera notte, quando Alice non rientra, David ne denuncia la scomparsa. La polizia indaga, il cadavere della moglie viene ritrovato nel canale. Lui si persuade che c’è un’entità malefica nella casa, artefice del delitto, la stessa della vecchia “clip” intanto affida il figlio alla tata, mentre i maggiori sospetti ricadono su di lui. Senza dubbio convenzionale il “plot” ,in debito con opere come Amityville,  The ring, Sinister, tuttavia il prodotto “de quo” è di discreta suggestione, ricco di atmosfere torbide e ansiogene, riesce a suscitare una discreta tensione; Il dubbio se quanto vissuto dal protagonista sia reale o frutto di pazzia delirante, funziona, e il finale, anche se prevedibile per i più scafati spettatori, è intrigante e procura qualche brivido

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati