Espandi menu
cerca
Sotto il vestito niente II

Regia di Dario Piana vedi scheda film

Recensioni

L'autore

marcopolo30

marcopolo30

Iscritto dal 1 settembre 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 115
  • Post 3
  • Recensioni 2851
  • Playlist 11
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Sotto il vestito niente II

di marcopolo30
2 stelle

Titolo truffaldino per un thrillerino sottilissimo accomunato al film dei Vanzina solo dall'ambientazione nel mondo della moda. Pessimo sotto tutti i punti di vista ma nonostante ciò ottenne all'epoca un buon successo di pubblico.

Da dove incominciare? Dal titolo? E bene, a dispetto delle (truffaldinamente) fuorvianti apparenze non siamo di fronte al sequel del famoso film dei Vanzina, buon successo commerciale di tre stagioni prima. L'unico punto in comune tra i due film è l'ambientazione nel mondo della moda. Punto. Per il resto stiamo invece parlando di un thriller patinatissimo e vagamente eroticoide (per gli standard di quel periodo, s'intende) del quale difficile sarebbe indicare il lato peggiore. La storia non offre nulla di originale ed è per di più portata avanti dall'esordiente Dario Piana in maniera talmente piatta da ridurre a zero lo già scarso interesse che avrebbe potuto suscitare nello spettatore. Il cast è un altro tasto dolente, con recitazione mediocre e innaturale da parte di praticamente tutti. Le scelte di fotografia sono anch'esse dubbie, con un notturno fumoso costante che alla lunga stanca (gli occhi... letteralmente!). E chiudiamo con le musiche, pericolosamente vicine al plagio tanto di una famosa hit anni '80 (il cui titolo sfortunatamente mi sfugge, è da ieri sera che mi arrovello...) così come, in altri momenti, delle musiche di “Psycho” di Hitchcock. Dovendo proprio -sforzandomi parecchio- indicare qualche elemento positivo direi la buona immaginazione mostrata nel creare un'arma del delitto certo non convenzionale e qualche breve fotogramma del classico “Freaks” di Tod Browning mostrato in una scena. Davvero nulla a confronto dell''ora e mezza di anticristo cinematografico che li contiene. Curiosa poi la scelta di chiudere sulle vivaci note di “Perfect World” di Huey Lewis and the News, cosa che m'ha fatto quasi sorgere il dubbio che magari Piana (per lui prima e ultima regìa per il grande schermo) volesse realizzare non un sequel ma una parodia del film dei Vanzina. Chiudo con un dato incredibile (ma vero): il film chiuse alla 38esima posizione del Box Office Italiano del 1988!

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati