Espandi menu
cerca
Solo chi cade può risorgere

Regia di John Cromwell vedi scheda film

Recensioni

L'autore

vermeverde

vermeverde

Iscritto dall'8 marzo 2020 Vai al suo profilo
  • Seguaci 26
  • Post 8
  • Recensioni 91
  • Playlist 5
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Solo chi cade può risorgere

di vermeverde
6 stelle

Film di discreto livello con un ottimo Bogart, il cui titolo italiano si addice più ad un’omelia che ad un “noir”.

Solo chi cade può risorgere (titolo originale Dead reckoning) è stato girato nel 1947 da John Cromwell, regista attivo fra gli anni Trenta e Cinquanta con una certa predilezione per il melodramma, oggi pressoché dimenticato e che a suo tempo fu indagato dalla Commissione presieduta dal sen. John McCarthy.

Nel film, buona parte del quale è in flashback con voce over, sono narrate le vicende di un reduce, Rip Murdoch (Humphrey Bogart) che, indagando sulla scomparsa in una cittadina di provincia dell’amico commilitone Johnny Drake (William Prince), fa la conoscenza della ragazza di questi, la cantante Coral (Lizabeth Scott) ed entra in contatto con il boss Martinelli (Morris Carnovsky) e del suo aiutante Krause …

Il film, considerato generalmente un prodotto medio senza particolari messaggi, ha tutti gli ingredienti (trama, aspetto visivo, commento musicale, ecc.) che il pubblico medio di allora si aspettava di trovare in un poliziesco, valorizzati da una regia dal piglio secco e dal ritmo ben sostenuto; i personaggi sono tipi ben definiti e costanti nei film del genere: il boss perfido e mellifluo, la “dark lady” affascinante e ambigua, il bieco tirapiedi che compie il lavoro “sporco”. La ragion d’essere del film sta soprattutto nel dare a “Bogey” la possibilità di incarnare il suo personaggio di duro astuto e disincantato e anche maschilista, ma con un forte senso dell’amicizia e della giustizia.

Punti deboli, oltre al titolo italiano, sono certe forzature della sceneggiatura (come certe poco credibili coincidenze) e alcuni dialoghi che paiono un po’ retorici, in particolare nel finale e nelle battute di Lizabeth Scott. In complesso, pur mostrando a tratti i suoi anni, il film merita senz’altro la visione per le buone interpretazioni degli attori e per la narrazione avvincente.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati