Espandi menu
cerca
Senso

Regia di Luchino Visconti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

marco bi

marco bi

Iscritto dal 23 dicembre 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 62
  • Post 6
  • Recensioni 323
  • Playlist 44
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Senso

di marco bi
10 stelle

Melodramma lirico senza essere cantato (la storia potrebbe benissimo essere la partitura di un’opera) ma ottimamente dialogato, a noi estimatori (è tra 100 film italiani da salvare) piace per la bellezza estetica che lascia stupefatti, per la grandiosità e la sfarzosità delle ambientazioni, delle ricostruzioni, della messa in scena...

 

 

- MALEDETTO TI AMERO’ - Sontuoso film d’amore e morte SENSO è uno dei migliori di Luchino Visconti insieme a OSSESSIONE, BELLISSIMA e ROCCO E I SUOI FRATELLI, senza nulla togliere a LA TERRA TREMA, IL GATTOPARDO, MORTE A VENEZIA. Ma già quando nel 1954 fu proiettato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia - città nella quale è stato anche splendidamente ambientato - ebbe estimatori e detrattori e sembra che non vinse alcun premio per la determinazione dei ‘poteri forti’ che arrivarono a corrompere i giurati.

 

Melodramma lirico senza essere cantato (la storia potrebbe benissimo essere la partitura di un’opera) ma ottimamente dialogato, a noi estimatori (è tra 100 film italiani da salvare) piace per la bellezza estetica che lascia stupefatti, per la grandiosità e la sfarzosità delle ambientazioni, delle ricostruzioni, della messa in scena che tra Venezia, Verona, Vicenza e Roma (la fucilazione fu girata a Castel S. Angelo) impiegò tante maestranze e richiese un grande sforzo produttivo insolito per un film italiano in quegli anni. Piace per le suggestioni pittoriche (i Macchiaioli, Goya, Fattori e il bacio di Hayez), per i tanti splendidi costumi (Piero Tosi), per la fotografia (G.R. Aldo e Robert Krasker) in sfavillante Technicolor che, variando la luminosità e i colori, insieme alla splendida musica sinfonica (Bruckner, Verdi) che aumenta o diminuisce di volume, amplifica l’importanza di ciò che accade.

 

 

Ai detrattori dell’epoca non piacque la viscerale, discutibile, rilettura degli avvenimenti storici non condivisa da politici e intellettuali che chiesero e ottennero diversi tagli e rifacimenti sia in fase di scrittura della sceneggiatura - a cura di Visconti, Suso Cecchi d’Amico, Giorgio Bassani, Tennessee Williams per la versione inglese e Jean Renoir supervisore di quella francese - basata sull’ omonima novella di Camillo Boito, riscritta più volte cambiando anche il titolo (Custosa, I vinti, Uragano d’estate), sia sulla pellicola dopo la prima veneziana. Non piacque il torbido, abietto, amore adultero tra la contessa sposata Livia Serpieri (Alida Valli mai più stata così brava) e il vile cupidigioso ufficiale austriaco Franz Mahler (Farley Granger). Non piacquero i nobili ancora fedeli all’Impero asburgico e le donne veronesi festose con i soldati austriaci. Al Ministero della Difesa non piacquero le, peraltro impegnative e ricercate, scene di battaglia considerate disfattistiche. Infine non piacque che dal ‘neorealismo’ si passò al ‘realismo’.

 

Tra i tanti allievi che sono ‘cresciuti’ lavorando in questo film d’ ineguagliata perfezione tecnica ricordo Rosi e Zeffirelli (aiuto registi), Rotunno (cameraman) e il doppiatore Enrico Maria Salerno.

 

1866. La contessa Livia Serpieri durante la rappresentazione de IL TROVATORE alla Fenice di Venezia, conosce il Tenente austriaco Franz Mahler che è stato sfidato a duello dal suo ribelle cugino il conte Ussoni (Massimo Girotti). Dopo una lunga passeggiata notturna per le calli veneziane Livia s’innamora e accetta d’incontrare Franz clandestinamente in camere d’albergo e per amore scende tutti i gradini che conducono all’inferno arrivando a dare al suo vile amante, per essere riformato, l’oro destinato ai rivoltosi che lui usa in maniera dissoluta ubriacandosi, giocando, andando con prostitute e invece di ringraziarla la umilia dicendole che è un ladro, uno spione e che non l’ha mai amata ma si è servito di lei. Livia impazzita dal dolore si vendica denunciandolo agli austriaci e Franz viene fucilato.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati