Espandi menu
cerca
Scusate il ritardo

Regia di Massimo Troisi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Furetto60

Furetto60

Iscritto dal 15 dicembre 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 45
  • Post -
  • Recensioni 2002
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Scusate il ritardo

di Furetto60
8 stelle

Ottimo Troisi

Commentando questo film, mi piace ricordare e sottolineare che accanto al grandissimo Massimo Troisi, che sicuramente si può annoverare tra i migliori commediografi napoletani di questo secolo, lavorava quasi in simbiosi con lui un artista, Lello Arena, che era una spalla perfetta per la comicità surreale del nostro compianto regista. Forse un pò snobbato e sottovalutato dalla critica  è stato invece attore comico completo.Proprio in questo lavoro di Troisi, ha modo di mostrare il suo grande estro artistico, le sue chiacchierate sotto la pioggia con Massimo, sono una chicca indimenticabile.La storia è molto  semplice, disoccupato napoletano incontra una ragazza di cui s'innamora, ricambiato, ma a causa del suo carattere poco espansivo rischia di perderla.La trama sembra inconsistente , invece da la possbilità ai due talentuosi attori di esprimere appieno  la loro genialità artistica.Si ride meno rispetto a "ricomincio da tre" ma ci sono interessanti spunti di riflessione.In primis l'amore che da forza, ma può avvilire quando lo  si perde, le peregrinazioni di Lello, ci sono sicuramente familiari. Poi la solitudine, altro tema spesso centrale nei lavori di Troisi, il professore vicino di casa è un uomo talmente solo che ha una sola tazzina per il caffè nello stipo e progetta di non lasciare niente ai nipoti ,poi anche il protagonista sostanzialmente è solo,vive nell'ombra del fratello celebre e benestante, non vuole inimacarsi la nipotina, perchè poi da grande lo abbandonerebbe al suo destino.Poi come sempre c'è il tema della religione,il paradosso della Madonna che piange invece di ridere,la dice tanto sulla posizione critica del regista nei confronti di un modo di percepire Il trascendente, ancora ancorato a tradizioni più pagane che cattoliche.Grande mimica come sempre, gestualità che parla e ancora un fim da cineteca.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati