Salvo

play

Regia di Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Con Sara Serraiocco, Saleh Bakri, Luigi Lo Cascio, Giuditta Perriera, Mario Pupella, Redouane Behache, Jacopo Menicagli, Dylan Tauro Vedi cast completo

Guardalo su
  • RaiPlay
  • RakutenTv
  • Tim Vision
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

A Palermo i destini di Salvo (Saleh Bakri) e Rita (Sara Serraiocco) si incontrano grazie ad un miracolo, accaduto in un mondo in cui non se ne verificano mai. Rita è cieca sin dalla nascita e si ritrova ad essere presente nel momento in cui Salvo, killer della mafia, uccide suo fratello. Nonostante non veda niente, Rita sembra fissare Salvo, che per evitare il fastidio le chiude gli occhi con le mani ancora sporche di sangue. Quando Rita riapre gli occhi, inaspettatamente ha recuperato la vista. Ossessionato da quanto accaduto, Salvo la segrega in un magazzino isolato, dove entrambi realizzeranno il bisogno di una vita diversa.

Approfondimento

SALVO: UN MIRACOLO SICILIANO

Primo lungometraggio realizzato dai registi palermitani Fabio Grassadonia e Antonio Piazza (autori del cortometraggio Rita), Salvo ha avuto la sua premier internazionale al Festival di Cannes 2013 nella sezione Semaine de la Critique. Interpretato da Saleh Bakhri, Sara Serraiocco, Luigi Lo Cascio, Mario Pupella e Giuditta Perriera, Salvo è così presentato dai suoi registi: «Durante un omicidio un killer di mafia dona la vista alla sorella cieca della sua vittima. Un miracolo, in un mondo dove i miracoli non accadono. È ancora possibile?
Questa è la domanda da cui siamo partiti per dare senso alla storia di Salvo.
Entrambi siamo palermitani ed è stato naturale scegliere Palermo come mondo nel quale ambientare la storia. Palermo è un mondo dove la libertà è pericolosa. Un mondo che ha bisogno di un tiranno, un oppressore, cosa inaccettabile ma in un certo senso comprensibile. Più misteriosamente c’è però una maggioranza che desidera essere oppressa, che ha bisogno di vivere in un perpetuo “stato di eccezione”, dove violenza e sopraffazione sono le uniche leggi. Uno stato in cui un vero libero incontro fra due esseri umani è inconcepibile.
L’incontro tra i due protagonisti provoca una frattura pericolosa, una sospensione di questo stato d’eccezione: la possibilità della libertà. Questo il miracolo di cui un mondo siffatto avrebbe più bisogno e ha più timore. Come dare forma alla storia di Salvo?
Per evitare le secche e i rischi di un cinema troppo concettuale, abbiamo articolato la storia all’interno della forma drammaturgica classica, giocando con alcuni generi riconoscibili: con il noir prima di tutto; con la storia d’amore; con la commedia nera, attraverso la coppia di piccolo borghesi, complici della latitanza del protagonista, guardiani e carcerieri del loro mondo angusto e grottesco; infine, aiutati dai paesaggi epici e desertici dell’entroterra siciliano, anche con il western all’italiana.
Con cura abbiamo evitato, di certa fiction che la Sicilia e la tematica mafiosa utilizzano, le semplificazioni, gli stilemi, la ripetizione dei soliti stereotipi che generano ambigue mitologie e cloroformizzano le cose e la realtà.
Il tentativo è stato quello di “scloroformizzare" le cose e la realtà.
Senso e forma del film che nella cecità della protagonista si fondono. Non solo come segno concreto, tangibile della metafora tematica del film, ma anche come cardine intorno al quale costruire il rapporto fra i personaggi, fra ciò che vedono e non vedono, fra ciò che al pubblico mostriamo e ciò che può solo ascoltare. L’orecchio come parte integrante della visione».
Frutto di una coproduzione italo-francese, Salvo conta sul lavoro di Daniele Ciprì come direttore della fotografia, di Mario Dentici come scenografo, di Desideria Reyner come montatrice e di Guillaume Sciama come tecnico del suono. L'ultima scena del film è inoltre un chiaro omaggio alla prima scena di Frank Costello faccia d'angelo di Melville, di cui Salvo può a tutti gli effetti essere considerato un lontano cugino.

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Sorprendente opera prima di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, vincitore del Premio Semaine de la critique a Cannes 2013 e ora al centro di un inarrestabile fenomeno di export. Lo si vende in mezzo mondo, isole comprese. Torrido noir. Punto di partenza un cortometraggio degli autori di qualche anno fa dove a riacquistare miracolosamente la vista era una bambina. Qui il cambio di sguardo segue anche traiettorie cieche, ma sono gli occhi intensi di Salvo a condurre il gioco, specie nel raid in casa del fratello della ragazza, pianosequenza di rara plasticità e abilità. Figure di contorno tutt’altro che fugaci, dal boss in canotta o giacca elegante Mario Pupella al fiancheggiatore Luigi Lo Cascio, che peraltro nel suo "La città ideale" si chiama Grassadonia. E non è un caso.

Commenti (5) vedi tutti

  • Lento e noioso, con una specie di Schwarzenegger siculo che fa da protagonista pronunciando 25 parole in italiano in tutto il film, il resto in terronese sommesso è quasi incomprensibile. Qualche nota positiva c'è, come la magistrale interpretazione della protagonista femminile e alcune sequenze tra di loro, ma nulla di ché ...

    commento di Maciknight
  • chissà perché mi torna in mente Sandra Mondaini?

    commento di kahlzer
  • Sopravvalutato. Un western palermitano che cerca premi e li trova, ma che nei suoi lunghi silenzi annoia un po'.

    commento di slim spaccabecco
  • Bellissimo film,consigliato.

    commento di Talasso
  • un ottimo esordio. Un film girato in tanti anni per supplire le carenze produttive. Esprime amore per il cinema

    commento di Luca70
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
8 stelle

Dal 2005 non era stato più ammesso un film italiano  nella Semaine de la Critique di Cannes: quest’anno SALVO è entrato e ha ricevuto ben due riconoscimenti. I registi e sceneggiatori del film Fabio Grassadola e Antonio Piazza sono alla loro opera prima e hanno impiegato ben 5 anni per ottenere i fondi necessari per portarla a termine. La sceneggiatura aveva già ricevuto una menzione… leggi tutto

13 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

diomede917 di diomede917
6 stelle

Strano il destino che unisce i due film italiani che hanno aperto e chiuso questa stagione cinematografica entrambe due opere prime sofferte, entrambi vincitori virtuali dei festival ai cui hanno partecipato ed entrambi parlano di due destini che si incrociano nello sfondo malavitoso dell’Italia del sud……è questo quello che unisce Salvo con L’intervallo….. Nel caso specifico la… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Mulligan71 di Mulligan71
4 stelle

Opera prima per questi due registi italiani, in una coproduzione italo francese, vincitrice del premio della critica a Cannes 2013. Nientepopodimenoche. In realtà, mi pare che al di là di un certo stile, di una buona fotografia, di buoni attori di contorno, questa specie di "western" mafioso, girato a Palermo, non sia nulla di così interessante. L'attore principale ha le movenze e… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020
Trasmesso il 16 gennaio 2020 su Rai Movie
2019
2019
Trasmesso l'8 novembre 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 10 settembre 2019 su Rai Movie
2018
2018
Trasmesso il 30 settembre 2018 su Rai 4
Trasmesso il 29 settembre 2018 su Rai 4

Recensione

barabbovich di barabbovich
1 stelle

Segnatevi questi due nomi: Fabio Grassadonia e Antonio Piazza. Vi serviranno nei vostri peggiori momenti di insonnia. I due registi siciliani al loro esordio portano sullo schermo un film così carico di boria e, allo stesso tempo, talmente inconsistente, che è difficile trovarne di simili. Salvo parte come un gangster movie girato con pochissimi spiccioli per poi imboccare la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 30 giugno 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 21 marzo 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 16 febbraio 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 7 febbraio 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 15 gennaio 2018 su Rai Movie
2017
2017
Trasmesso il 9 agosto 2017 su Rai Movie
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 31 luglio 2017 su Rai Movie
Trasmesso il 18 luglio 2017 su Rai Movie
Trasmesso il 7 luglio 2017 su Rai Movie
2016
2016

Recensione

michel di michel
5 stelle

Salvo di mestiere fa la guardia del corpo di un boss ed è anche un ottimo sicario; nella prima scena, forte di una certa rassomiglianza con Schwarzenegger, sventa un attentato e termina con bionica precisione e sangue freddo la gang rivale. Di fronte a una giovane cieca che annaspa peggio di un'invasata però la mano si ferma; preludio a un imminente riscatto. A questo punto, come…

leggi tutto
Recensione
2015
2015
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

ezio di ezio
7 stelle

Dopo essere suggito a un attentato,Salvo (Bakri)vuole eliminare il mandante dell'agguato e si introduce in casa sua dove trova Rita (Serraiocco),la sorella cieca,dopo aver ucciso l'uomo rapisce la ragazza e la nasconde in una fabbrica abbandonata.La scommessa dei due registi esordienti e' quella di fondere uno stile ultra-realista con lunghi piani sequenza che pedinano il protagonista con…

leggi tutto
2014
2014

Recensione

scursuni di scursuni
5 stelle

di una noiosita' mortale,nato come corto,come lungometraggio sempra un brodo d acqua. serve solo come spot ai moda'....................................................................................................................................................

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito