Espandi menu
cerca
Una folle passione

Regia di Susanne Bier vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 151
  • Post 16
  • Recensioni 10294
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Una folle passione

di mm40
3 stelle

North Carolina, 1929. George, piccolo industriale del legname, sposa l'ambiziosa e vivace Serena, che presto decide di affiancarlo anche in affari. Questo guasta i rapporti fra George e il socio Buchanan, che alla prima protesta viene eliminato a fucilate dallo stesso George, facendo passare la cosa come un incidente di caccia. Ma la vera tragedia non è ancora arrivata: Serena, incinta, perde il bambino e anche la testa, completamente.

 

La danese Susanne Bier alterna produzioni locali - es.: In un mondo migliore, Oscar come miglior film mondiale del 2011 - a pellicole dalle ambizioni più esplicitamente internazionali, come questa Una folle passione, ambientata negli Stati Uniti e girata con interpreti di fama mondiale. Come già in vari casi precedenti, vedasi l'ultimo Love is all you need (2012), i film di quest'ultima categoria non le vengono granchè bene: anzi, sono palesemente artefatti e forzati, con una cura per i dettagli infinitamente minore e una scrittura ben più approssimativa. In Una folle passione non c'è un solo personaggio che sembri reale: i buoni ragionano e si comportano sempre e solo da buoni; i cattivi sempre e solo da cattivi, con l'esclusione naturalmente del personaggio centrale della storia, George, la cui 'conversione' è il nodo della vicenda, seppure essa non gli rechi molto di buono - anzi. Bradley Cooper, Jennifer Lawrence, Rhys Ifans, David Dencik occupano le parti principali nel cast; la sceneggiatura è opera di Christopher Kyle e si basa su un romanzo di Ron Rash. Proprio sulla tenuta narrativa e sulla costruzione dei personaggi, le perplessità si fanno maggiori; la prevedibilità della trama è a livelli estremi e francamente lo spessore stesso dei fatti raccontati non sembra avere alcunchè di accattivante. La confezione è comunque adeguatamente patinata e sufficientemente impressionante. 3,5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati